Avviso ai naviganti 93 – Lettera aperta a Fosco Giannini

16 Set
(n)PCI (nuovo)Partito comunista italiano

  Comitato Centrale
Sito: www.nuovopci.it
e.mail: nuovopci@riseup.net
  Delegazione
BP3  4, rue Lénine   93451 L’Île St Denis (Francia)
e.mail: delegazione.npci@riseup.net

16 settembre 2019

(Scaricate il testo in versione Open Office o Word )

Lettera aperta a Fosco Giannini, responsabile Dipartimento Esteri PCI

Caro compagno,

ho letto con interesse il tuo articolo del 20 agosto scorso, Sul movimento comunista dell’UE: analisi del passato, stato delle cose e compiti per ora e per il domani . In esso ti rivolgi a tutti quelli che in Italia si considerano comunisti e in effetti tratti temi che ci riguardano tutti. In sintesi, tu sostieni 1. che, tolta l’Europa, nel resto del mondo nonostante la caduta dell’URSS siamo in una fase di “tenuta, consolidamento e sviluppo del movimento comunista”, di “vitalità e centralità politica e sociale di tanti partiti comunisti nel mondo extra UE”: a conferma citi in primo luogo il Partito Comunista Cinese (PCC) e la Repubblica Popolare Cinese (RPC); 2. che la crisi del movimento comunista nei paesi europei deriva dall’adozione nel 1976 dell’Eurocomunismo (Enrico Berlinguer) e che per ognuno dei partiti comunisti la crisi è tanto più grave quanto più strettamente il partito ha aderito all’Eurocomunismo e vi è rimasto ancorato. E dimostri la tua seconda tesi riportando la successione temporale dei risultati elettorali di vari partiti comunisti dell’UE e nei casi del PCI e del PCF anche quella dei loro iscritti.

Continua a leggere

Annunci

Far sorgere organismi di operai avanzati in ogni azienda capitalista e di lavoratori avanzati in ogni azienda pubblica!

9 Set
(nuovo)PCI(nuovo)Partito comunista italiano

Comitato Centrale

Sito: www.nuovopci.it
e.mail: nuovopci@riseup.net

Delegazione

BP3  4, rue Lénine 93451 L’Île St Denis (Francia)
e.mail: delegazione.npci@riseup.net

Comunicato CC 19/2019 – 8 settembre 2019, 76° anniversario della fuga del re e di Badoglio da Roma

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

In occasione della costituzione del secondo governo M5S

Far sorgere organismi di operai avanzati in ogni azienda capitalista e di lavoratori avanzati in ogni azienda pubblica!
Le masse popolari organizzate nelle aziende e territorialmente sono in grado di porre fine al catastrofico corso delle cose che l’UE e la NATO impongono anche nel nostro paese!

I vertici della Repubblica Pontificia hanno rapidamente sostituito al governo M5S-Lega il governo M5S-PD con la benedizione di papa Bergoglio e il consenso dell’UE e della comunità internazionale degli altri gruppi imperialisti.

In cosa il governo Conte 2 si distingue dal governo Conte 1? Quale sarà il ruolo del nuovo governo nella lotta tra le classi in corso nel nostro paese? Cosa faremo noi membri del (n)PCI? Cosa incitiamo a fare i membri della Carovana del (n)PCI e tutti quelli che vogliono porre fine alla devastazione del pianeta, alla delocalizzazione di aziende e alla distruzione dell’apparato produttivo industriale e agricolo, alle grandi opere inutili e dannose per la massa della popolazione, alla privatizzazione dei servizi pubblici, all’austerità per le masse popolari, all’oppressione e discriminazione delle donne, alle guerre e alle altre manifestazioni del catastrofico corso delle cose? Continua a leggere

NO al catastrofico corso delle cose!

27 Ago
(nuovo)PCI (nuovo)Partito comunista italiano

Comitato Centrale

Sito: www.nuovopci.it
e.mail: nuovopci@riseup.net

Delegazione

BP3  4, rue Lénine 93451 L’Île St Denis (Francia)
e.mail: delegazione.npci@riseup.net

Comunicato CC 18/2019 – 27 agosto 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

NO al catastrofico corso delle cose!

Che fare?

Che le cose vanno male, che sull’umanità incombe una catastrofe prodotta dalle attività degli uomini stessi, è una realtà su cui vi è una larga convergenza di senso comune e di teorie, tanto la cosa è evidente. Evidente in tutti i campi delle relazioni sociali e della vita individuale, nelle relazioni internazionali e nella vita di ogni singolo paese: dalla devastazione del pianeta e l’inquinamento dell’ambiente, alla dissoluzione dei legami sociali; dalla distruzione dell’apparato produttivo agricolo e industriale in tutti i paesi imperialisti per un verso (le delocalizzazioni ne sono un’espressione esemplare), Continua a leggere

Le “buone ragioni” del disertore

19 Ago
(n)PCI(nuovo)Partito comunista italiano

Comitato Centrale
Sito: www.nuovopci.it
e.mail: nuovopci@riseup.net

Delegazione
BP3  4, rue Lénine   93451 L’Île St Denis (Francia)
e.mail: delegazione.npci@riseup.net


Avviso ai naviganti 92

19 agosto 2019

(Scaricate il testo in versione Open Office o Word )

Nei paesi imperialisti la rivoluzione socialista vince solo se i comunisti la conducono come una guerra popolare rivoluzionaria. Come le altre guerre, anche la GPR ha i suoi disertori.

Dopo che con l’Avviso ai naviganti del 15 agosto il CC del (n)PCI ha annunciato che Angelo D’Arcangeli e Chiara De Marchis hanno disertato il Centro clandestino del Partito contravvenendo al loro impegno e alle indicazioni del CC del Partito, Angelo ha diffuso (https://youtu.be/48O61zS7LgI) un messaggio filmato in cui espone le “buone ragioni” della diserzione sua e di sua moglie. Il messaggio che giustifica la diserzione trova e troverà buona accoglienza da parte di quelli che si professano comunisti, ma concepiscono la militanza nel partito comunista come un lavoro a tempo libero, come un lavoro solo di opposizione Continua a leggere

Avviso ai naviganti 91

15 Ago
Visita il sito del (n)PCI Leggi e diffondi La Voce n. 62 del (n)PCI

 

15 agosto 2019

(Scaricate il testo in versione Open Office o Word )

Un esercito che combatte per una giusta causa e impara dalla sue sconfitte
è destinato a vincere!

Le lezioni del fallimento dell’operazione di rafforzamento del Centro clandestino del (n)Partito comunista italiano, che all’inizio dell’anno con orgoglio e gioia abbiamo annunciato ai comunisti e a tutti quelli che non accettano di subire il catastrofico corso delle cose imposto dalla borghesia imperialista.

I compagni Angelo D’Arcangeli e Chiara De Marchis che con generosità e slancio in gennaio si erano arruolati nel Centro clandestino del Partito non hanno avuto la forza di persistere nel loro impegno e hanno abbandonato il posto di lotta che avevano occupato, nonostante l’indicazione contraria del CC che li ha esortati a persistere, certo che avremmo risolto le difficoltà che il nuovo ruolo aveva suscitato in ognuno dei due compagni e superato i problemi che la loro integrazione nel Centro clandestino aveva messo in luce. Continua a leggere

Traballa il primo governo di rottura con le Larghe Intese!

13 Ago
Visita il sito del (n)PCI Leggi e diffondi La Voce n. 62 del (n)PCI

Comunicato CC 17/2019 – 13 agosto 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

 

Gli esponenti dei vertici della Repubblica Pontificia, dell’Unione Europea, della NATO e del sistema finanziario internazionale si azzannano tra loro per imporre ognuno un governo più adatto ai suoi interessi. Continua a leggere

Nessuna tolleranza per calunniatori e infiltrati! – Combattere energicamente i seminatori di calunnie!

11 Giu
Visita il sito del (n)PCI Vai al Blog del (n)PCI Leggi e diffondi La Voce n. 61 del (n)PCI

Avviso ai naviganti 89

11 giugno 2019

A ogni persona che ha capito che per porre fine al corso catastrofico delle cose che la borghesia imperialista impone alle masse popolari del nostro paese e al mondo, occorre instaurare il socialismo!

A ogni persona che ha a cuore la rinascita del movimento comunista cosciente e organizzato!

A ogni comunista che ha a cuore l’unità dei comunisti!

Nessuna tolleranza per calunniatori e infiltrati!

Combattere energicamente i seminatori di calunnie!

Esigere da ogni persona che lancia voci infamanti, come quella di essere pagati dai Servizi Segreti della Repubblica Pontificia o di altro Stato borghese, che indichi chiaramente e pubblicamente su cosa basa la sua accusa o la ritiri pubblicamente e faccia autocritica per aver fatto ricorso alla denigrazione invece di affrontare in modo chiaro e costruttivo le divergenze nel bilancio della prima ondata della rivoluzione proletaria (1917-1976), nell’analisi del corso delle cose o nella linea da seguire.

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato il Comunicato rapido che riportiamo qui appresso. L’autore si ostina a non ritirare la sua calunnia. Il Partito Comunista di Marco Rizzo, per conto del quale Roberto Pano è stato candidato nel collegio uninominale del Senato di Termoli (Molise) per le elezioni del 4 marzo 2018, non interviene a smentire il suo esponente. Chiediamo quindi a ogni compagno di prendere apertamente posizione contro individui e organismi che usano la denigrazione e la calunnia invece di affrontare apertamente le divergenze nel bilancio e nell’analisi delle situazione che ostacolano la rinascita del movimento comunista cosciente e organizzato. Continua a leggere