Archivio | giugno, 2016

Brexit – Approfittare di ogni difficoltà dei gruppi imperialisti per avanzare nell’organizzazione delle masse popolari!

27 Giu

Comunicato CC 12/2016 – 26 giugno 2016

Fare di ogni lotta rivendicativa e di ogni protesta l’occasione per costituire organizzazioni operaie e popolari!

 

Per rompere davvero con l’UE, la BCE, la NATO bisogna che nei singoli paesi gli operai e le altre classi delle masse popolari si organizzino capillarmente fino a creare e sostenere un proprio governo di emergenza. Senza questa condizione ogni proposito di rottura non ha gambe per camminare e prometterlo è imbroglio o ingenuità: il governo Syriza in Grecia lo ha dimostrato a tutti!

 

Il Brexit, l’esito del referendum di giovedì 23 giugno e l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea sono l’argomento all’ordine del giorno nell’apparato di propaganda di regime e nei circoli della sinistra borghese.

È certo che nei mesi a venire i vertici della UE e della BCE (Banca Centrale Europea) e della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti (CI) useranno in ogni paese europeo e negli USA il Brexit per giustificare una persecuzione più feroce degli emigranti e il peggioramento delle condizioni delle masse popolari.

La sinistra borghese è intrisa di illusioni nella democrazia borghese, riduce la crisi generale del capitalismo a problemi relativi alle sue strutture e al loro funzionamento (crisi strutturale) e rifiuta l’idea Continua a leggere

Annunci

Costituire ovunque OO e OP e orientarle ad agire da nuove autorità pubbliche, da centri locali del nuovo potere fino a costituire il GBP!

21 Giu

Comunicato CC 11/2016 – 21 giugno 2016

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Sostenere e valorizzare tutte le lotte rivendicative e le proteste delle masse popolari!

Far contribuire anche la sinistra borghese di nuovo stampo alla guerra popolare rivoluzionaria: formare Amministrazioni Comunali d’Emergenza!
Propagandare il socialismo! Avanti nel consolidamento e rafforzamento della Carovana del (nuovo)Partito comunista!

L’esito delle elezioni amministrative, e in particolare la vittoria delle candidature di De Magistris a Napoli, di Virginia Raggi a Roma, di Chiara Appendino a Torino e di candidati M5S in diciannove altri centri con più di 15 mila abitanti, ha creato una situazione più favorevole al nostro lavoro. La sconfitta del PD di Matteo Renzi e del suo sistema di Larghe Intese con la banda Berlusconi e la Lega Nord, rende più difficile ai vertici della Repubblica Pontificia governare il paese Continua a leggere

Manifiesto Programa del (nuevo)Partido comunista italiano

20 Giu

Édition en Langues Étrangères
Sommaire

Edition in Foreign Language
Contents

Ediciones en lenguas extranjeras
Sumario

 Descarga el texto:  Word Open Office   

Comunicado – 20 de junio 2016

 

Queridas y queridos camaradas:

La presente es para anunciar que en la dirección www.nuovopci.it/eile/sp/MPcast/MP_Castigliano.html está disponible la traducción en castellano del Manifiesto Programa del (nuevo)Partido comunista italiano, difundido en idioma italiano en el año 2008. Es posible descargar gratuitamente el texto sea como documento .pdf, sea como documento .doc. Nuestro Manifiesto Programa está disponibile en el sitio web antes mencionado también en francés como en inglés, y por supuesto en italiano.

Ponemos nuestro Manifiesto Programa (MP) a disposición del círculo más amplio de comunistas que podemos contactar, porque Continua a leggere

Avviso ai naviganti 62 – Imparare dall’esperienza del movimento comunista!

16 Giu

16 giugno 2016

(Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )
Dedichiamo anche questo Avviso ai naviganti a Sergio Spazzali, per il generoso contributo che ha dato al bilancio dell’impresa delle Brigate Rosse che proponiamo all’attenzione dei compagni che vogliono contribuire alla rinascita del movimento comunista.

I comunisti studiano principalmente la storia del movimento comunista e da essa imparano cosa fare

La sinistra borghese e chi ne subisce l’influenza studiano principalmente le attività della borghesia imperialista

Facciamo omaggio del bilancio delle Brigate Rosse, Cristoforo Colombo ovvero di come convinti di navigare verso le Indie approdammo in America di Pippo Assan (1988) ai compagni che parteciperanno al Seminario nazionale di Roma indetto da Rete dei Comunisti e a quelli che parteciperanno all’Assemblea nazionale costituente di Bologna indetta dall’Associazione per la ricostruzione del partito comunista.

 

La crisi generale del capitalismo procede e la crisi delle istituzioni e degli ordinamenti statali si aggrava in ogni paese dominato dalla Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti: dagli USA, alla Francia, all’Italia, a ognuno dei paesi dell’UE. Gli effetti distruttivi di uomini e cose prodotti dalla crisi Continua a leggere

Condurre in porto le elezioni amministrative creando posto per posto le condizioni più favorevoli alla mobilitazione e all’organizzazione delle masse popolari, alla costituzione di organismi operai e popolari!

11 Giu

Comunicato CC 10/2016 – 10 giugno 2016

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Promuovere la costituzione di Amministrazioni Locali d’Emergenza, la lotta per il rinnovo dei CCNL, la difesa e l’applicazione della Costituzione del 1948!

Avanti verso il Governo di Blocco Popolare, la rinascita del movimento comunista cosciente e organizzato, l’instaurazione del socialismo!

Consolidare e rafforzare il (nuovo) Partito comunista italiano, estendere in tutto il paese la rete degli organismi della Carovana, combinazione del (n)PCI e del Partito dei CARC!

Le elezioni amministrative del 5 giugno hanno confermato che tra le masse popolari crescono la sfiducia e il disprezzo verso i vertici della Repubblica Pontificia (RP). Il governo Renzi-Bergoglio non solo i vertici della RP l’hanno costituito contro i risultati delle elezioni politiche del 2013, ma non riesce neanche a carpire sostegno elettorale. La sconfitta dei servi di Renzi nel comune di Sesto Fiorentino è l’espressione più chiara del prossimo futuro dell’accoppiata Renzi-Bergoglio. Neanche l’intensa attività di Bergoglio e le sue prediche demagogiche valgono ad arginare la deriva. I consensi e gli applausi Continua a leggere