Archive | ottobre, 2015

La Rivoluzione d’Ottobre e la nostra lotta

29 Ott

Comunicato CC 25/2015 – 29 ottobre 2015

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Assimiliamo la concezione comunista del mondo per trasformare ogni lotta spontanea delle masse popolari contro il catastrofico corso delle cose che la borghesia imperialista e il suo clero impongono al mondo, in un’operazione della guerra popolare rivoluzionaria che farà dell’Italia un nuovo paese socialista e contribuirà allo sviluppo della seconda ondata della rivoluzione proletaria che darà inizio a una nuova era nella storia dell’umanità!

Il 7 novembre celebreremo il 98° anniversario dell’Insurrezione di Pietrogrado e dell’Assalto al Palazzo d’Inverno con cui nel 1917 gli operai e i contadini guidati dal Partito bolscevico di Lenin e Stalin posero fine al governo borghese che da pochi mesi aveva preso il posto del governo zarista e costituirono il primo governo sovietico. Ebbe allora inizio la prima ondata della rivoluzione proletaria, erede della Comune di Parigi. Essa nel giro di pochi anni ha mobilitato da un capo all’altro del mondo, in ogni paese, la parte più avanzata delle classi sfruttate e dei popoli oppressi dal sistema imperialista, in uno sforzo comune per compiere rivoluzioni socialiste o rivoluzioni di nuova democrazia e instaurare il socialismo, fase di transizione dal capitalismo al comunismo.

Come la Comune di Parigi, durata solo tre mesi (17 marzo – 27 maggio 1871), anche la prima ondata della rivoluzione proletaria non ha raggiunto il suo obiettivo e nella seconda parte del secolo scorso, in capo a circa cinquanta anni, si è esaurita. Oggi tutta l’umanità paga le conseguenze dolorose e distruttive di questa sconfitta. La Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti imperversa nel mondo e la borghesia imperialista impone ancora il suo sistema di oppressione sociale e nazionale, diventato addirittura un sistema che distrugge le condizioni ambientali della vita umana.

Nella lotta della classe operaia e delle masse popolari contro il catastrofico corso della cose Continua a leggere

La diserzione di uno dei promotori della costruzione dei CARC e del (nuovo)PCI e le lezioni che dobbiamo tirarne

20 Ott
Comunicato CC 24/2015 – 20 ottobre 2015
[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

La seconda ondata della rivoluzione proletaria avanza in tutto il mondo e darà inizio a una nuova era nella storia dell’umanità!

Nei giorni scorsi uno dei “compagni di lungo corso” della Carovana del (nuovo)PCI, Massimo Amore, ha deciso di abbandonare la nostra lotta e si è dimesso da ogni organismo della Carovana del (nuovo)PCI. A prima vista e ai superficiali sembrerà un avvenimento interno alla Carovana. In realtà è un avvenimento significativo delle condizioni in cui avviene la rinascita del movimento comunista, dei problemi che dobbiamo risolvere e degli ostacoli che dobbiamo superare Continua a leggere

XI anniversario della fondazione del (nuovo) Partito comunista italiano

6 Ott

Comunicato CC 23/2015 – 3 ottobre 2015

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

La seconda ondata della rivoluzione proletaria avanza in tutto il mondo e darà inizio a una nuova era nella storia dell’umanità!

Sono passati 11 anni da quando il 3 ottobre 2004 in una riunione allargata della Commissione Preparatoria venne fondato il (n)PCI, fondazione resa pubblica con la Risoluzione pubblicata in La Voce 18 (novembre 2004). Con questa decisione Continua a leggere

Avviso ai naviganti 56

1 Ott

 

30 settembre 2015

(Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )

La lotta di classe, noi comunisti e la sinistra borghese

Il proletariato valuta ogni uomo dai risultati della sua attività

In morte di Pietro Ingrao

Con la morte il 27 settembre di Pietro Ingrao (1915-2015) scompare uno degli esponenti più illustri e autorevoli di quel gruppo di intellettuali formatisi nelle università fasciste e in generale di buona famiglia (a quei tempi rari erano i casi di giovani di famiglie non ricche che arrivavano all’università) che Palmiro Togliatti nel 1944-1956 impose alla testa del PCI al posto dei dirigenti formatisi nella lotta contro il fascismo e nella Resistenza Continua a leggere