Archivio | maggio, 2018

Oserà Luigi Di Maio mettere Sergio Mattarella sotto accusa in Parlamento?

30 Mag
(nuovo)PCI

 

Leggi La Voce 58 del (nuovo)PCI

Comunicato CC 10/2018 – 29 maggio 2018

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Alto tradimento o attentato alla costituzione? C’è l’imbarazzo della scelta

Oserà Luigi Di Maio mettere Sergio Mattarella sotto accusa in Parlamento?

Su questo si misura la credibilità del M5S!

L’esempio della Repubblica Bolivariana del Venezuela e del suo presidente Nicolas Maduro

Certamente alcuni dei nostri lettori si stupiranno che proponiamo alla loro attenzione la vittoria di Nicolas Maduro nelle elezioni presidenziali tenutesi in Venezuela il 20 maggio proprio nei giorni in cui in Italia si consumava lo sfrontato colpo di mano di Sergio Mattarella. Ma la connessione è il contrasto

Continua a leggere

Annunci

Appello agli attivisti e agli elettori del M5S, a tutti gli oppositori delle Larghe Intese

15 Mag

Comunicato CC 9/2018 – 15 maggio 2018

 

Non lasciate che i vertici della Repubblica Pontificia distruggano il M5S!

 

Ai fini della lotta per farla finita con il corso catastrofico che la borghesia imperialista impone alle masse popolari del nostro paese, l’importanza del M5S sta nel fatto che è diventato un centro di raccolta del consenso elettorale tale che il sistema politico della Repubblica Pontificia non può prescindere da esso.

I vertici della Repubblica Pontificia per mano di Berlusconi e Salvini si servono di Luigi Di Maio per distruggerlo.

 

Il merito di Beppe Grillo e di Roberto Casaleggio sta nell’aver ben usato una serie di circostanze per costruire un centro di raccolta del consenso elettorale di una parte importante degli oppositori del corso catastrofico che la borghesia imperialista impone al nostro paese. Invece di disperdersi nell’astensione, milioni di elettori Continua a leggere

Chi sta a vedere cosa farà il governo Di Maio – Salvini, lascia spazio libero ai vertici della Repubblica Pontificia!

14 Mag

Comunicato CC 8/2018 – 14 maggio 2018

Bando a ogni attesa!

Chi sta a vedere cosa farà il governo Di Maio – Salvini, lascia spazio libero ai vertici della Repubblica Pontificia!

Chi predica di stare a vedere, collabora con i vertici della Repubblica Pontificia!

Le elezioni del 4 marzo hanno confermato una grande verità: la borghesia e il clero riescono sempre meno a controllare l’orientamento, le idee, i sentimenti e la condotta della grandi masse. Gli esponenti delle Larghe Intese avevano fatto una legge elettorale apposta per vincere le elezioni e invece hanno perso milioni di voti Continua a leggere

Combattere contro le Larghe Intese

8 Mag
Visita il sito del (n)PCI Vai al Blog del (n)PCI Leggi la Voce n. 58 del (n)PCI

Comunicato CC 7/2018 – 8 maggio 2018

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

I miasmi della Repubblica Pontificia in putrefazione

Rompere con l’incertezza dei capi del M5S e mobilitare nelle piazze e nelle strade proteste contro i vertici della Repubblica Pontificia!

Accumulare forze per la costituzione di un governo d’emergenza delle masse popolari organizzate, il Governo di Blocco Popolare!

 

I vertici della Repubblica Pontificia hanno tirato in lungo per più di due mesi il teatrino delle consultazioni al Quirinale. Non hanno osato e ancora non osano installare apertamente un governo delle Larghe Intese da Berlusconi a Renzi che proceda nella devastazione del paese e Continua a leggere

Aux communistes français

6 Mag

Communiqué du Comité Central du (nouveau)Parti communiste italien

Télécharger le Communiqué – Libre OfficeWord

5 Mai 2018

 Aux communistes français

Le (nouveau)Parti communiste italien salue la résistance des travailleurs français. Résistance face à l’attaque que le gouvernement des groupes impérialistes français, dirigé par Emmanuel Macron, a lancé contre les conquêtes arrachées par les travailleurs français lors de la première vague de la révolution prolétarienne. Le (n)Pci souhaite aux travailleurs français qu’ils réussissent à passer de la résistance/défense à l’attaque et qu’ils avancent dans la lutte jusqu’à arriver à la mise en place du socialisme. Pour contribuer à cette transformation, nous partageons avec vous la traduction d’un article adressé aux lecteurs italiens, paru dans le numéro de mai de Resistenza, mensuel du Parti des CARC (Italie).

EiLE
Édition en Langues Étrangères
Sommaire

 

Edition in Foreign Language
Contents

 

Ediciones en lenguas extranjeras
Sumario

 Luttes des classes en France

Que les travailleurs français réussissent à passer de la défense à l’attaque!

La bourgeoisie impérialiste française a lancé une attaque généralisée, Continua a leggere

Arruolatevi nel Partito comunista per instaurare il socialismo

5 Mag
Visita il sito del (n)PCI

 

Vai al Blog del (n)PCI Leggi la Voce n. 58 del (n)PCI

Comunicato CC 6/2018 – 5 maggio 2018 Bicentenario della nascita di Karl Marx, il fondatore della scienza delle attività con le quali gli uomini hanno fatto e fanno la loro storia e del movimento comunista cosciente e organizzato

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

La Repubblica Pontificia mostra proprio in questi giorni le vergogne della sua putrefazione. Per porvi fine c’è un’unica via: far avanzare passo dopo passo la rivoluzione socialista fino a instaurare il socialismo.

Arruolatevi nel Partito comunista per instaurare il socialismo

La lettera di un membro del (nuovo) Partito comunista italiano dall’interno delle istituzioni della Repubblica Pontificia

“Il Partito del proletariato rivoluzionario deve avere occhi e orecchie dappertutto, membri e organismi che in ogni angolo e in ogni istituzione della società fanno la loro parte nella rivoluzione in corso che approderà all’instaurazione del socialismo”. Così, parafrasiamo le sue parole, scriveva Lenin nel 1902 nel Che fare?, l’opera con cui ha fatto fare un salto in avanti alla rivoluzione che nel 1917 approdò alla fondazione del primo paese socialista.

La crisi del sistema politico della borghesia batte il suo pieno. La Corte Pontificia, i gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e gli altri mandanti del Presidente della Repubblica non osano affidare l’incarico di formare il governo al M5S vincitore delle elezioni che i vertici della Repubblica Pontificia avevano infine dovuto convocare. Questo torna a onore del M5S: Continua a leggere