Archivio | La Voce del (n)PCI RSS feed for this section

Instaurare il socialismo è necessario e possibile!

30 Lug

Comunicato CC 9/2017 – 30 luglio 2017

1917, centenario della gloriosa Rivoluzione d’Ottobre, la svolta nella storia dell’umanità

 

Il disastro prodotto dal capitalismo si aggrava in ogni campo!
Le autorità borghesi non sanno fare altro che tamponare le falle e aggravano i danni fatti dai capitalisti ognuno teso a valorizzare il suo capitale, per prolungare la vita del loro sistema sociale e preservare i loro privilegi!

Instaurare il socialismo è necessario e possibile!

Noi comunisti chiamiamo tutti i lavoratori all’opera e indichiamo la via della salvezza.

 

In distribuzione il numero 56 di La Voce del (nuovo)Partito comunista italiano

 

Mille sono i campi in cui esplode il catastrofico corso delle cose prodotto dalla borghesia imperialista. I rimedi con cui le sue autorità e i singoli gruppi imperialisti cercano di porvi rimedio peggiorano la situazione: dagli interventi militari delle potenze imperialiste in Africa e in Asia, al maltrattamento degli emigranti che a causa della guerra e dello sfruttamento economico fuggono dai loro paesi, agli incendi e alla siccità Continua a leggere

La Voce n. 53 – luglio 2016

25 Lug

La Voce n. 53

in formato PDFFormato Open OfficeFormato Word


La copertinaLa quarta di copertina

Indice degli articoli:

Ai comunisti, a tutti quelli che vogliono porre fine al catastrofico corso delle cose e instaurare il socialismo!

A un anno dal IV Congresso nazionale del Partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza – per il Comunismo

Cosa succede negli USA? Cosa succede
nell’UE?Cosa succede nel mondo? Cosa vogliamo far
succedere?

La rivoluzione socialista in corso

Sono gli uomini che fanno la loro storia!

Sono le masse popolari, non i capitalisti che fanno la storia!

Governo di Blocco Popolare, rivoluzione
socialista, Guerra Popolare Rivoluzionaria

Il partito clandestino

Il socialismo, la democrazia borghese e la democrazia proletaria

Alle origini del primo Partito comunista italiano (PCI)

Per i frequentatori delle attività  di Rete dei Comunisti

L’apparenza e il nesso tra eventi e fenomeni

Una lettera di Marx a Ludwig Kugelmann

I comunisti e la sinistra

Perché oggi in Italia ci devono essere due partiti di comunisti?

Per il bilancio del Fronte Popolare in
Spagna
(febbraio 1936 – aprile 1939)

Contributo alla rinascita del movimento comunista
nel mondo

Manifiesto Programa del (nuevo) Partido comunista italiano
Presentazione della traduzione in castigliano

La seconda ondata della rivoluzione
proletaria mondiale

La quarta di copertina
Comunicati – Avvisi ai naviganti – Rapporti Sociali – Caccia allo sbirro

La Voce 52 del (nuovo) Partito comunista italiano disponibile sul sito: riprodurla, leggerla, formare gruppi di studio, diffonderla!

17 Mar

Comunicato CC 03/2016 – 17 marzo2016

[Scaricate il testo di La Voce 52 in Open Office / PDF / Word ]

La crisi generale della società borghese grava da ogni lato sull’umanità, rende difficile la vita alle masse popolari in ogni campo. Il corso catastrofico delle cose spinge gli elementi avanzati delle masse popolari, specialmente gli operai avanzati, a organizzarsi e combattere: quello di cui hanno bisogno è la linea da seguire per vincere la borghesia imperialista e il suo clero, costituire il Governo di Blocco Popolare e avanzare verso l’instaurazione del socialismo. Quello di cui hanno bisogno è l’organizzazione in cui arruolarsi: il nuovo Partito comunista italiano e la sua Carovana. Di questo tratta il numero 52 di La Voce.

VO 52 è dedicata all’unità dei comunisti. In che senso? Continua a leggere

La Voce 51 del (nuovo)Partito comunista italiano

5 Dic

Scaricate il testo di La Voce n. 51 in formato PDFFormato Open OfficeFormato Word

Uno scossone salutare nella Carovana del nuovo PCI

Dall’adesione identitaria e dalla professione di fede all’adesione reale

Bisogna praticare la concezione comunista del mondo: non basta professarla!

Per realizzare i nostri obiettivi dobbiamo imparare a fare quello che non sappiamo ancora fare, dobbiamo fare quello che i comunisti dei paesi imperialisti finora non hanno mai fatto! Continua a leggere

La Voce del (n)PCI 50 – luglio 2015

24 Lug

La Voce n. 50
in formato PDFFormato Open OfficeFormato Word

La copertina

 

Indice degli articoli:

Introduzione Leggi l’articolo
Saluto del segretario generale
del (nuovo) PCI, compagno Ulisse,
al IV Congresso del P.CARC
Leggi l’articolo
P.CARC e (n)PCI si rafforzanol’un l’altro nella lotta comune! Leggi l’articolo
IV Congresso del Partito dei CARC Relazione del Segretario Nazionale Leggi l’articolo
Ancora sul GBP
Note e commentiall’intervento di FM
Leggi l’articolo
La lezione della Grecia
La trappola del Debito Pubblico
Leggi l’articolo
L’opera di Papa Bergoglio Leggi l’articolo
La Cina non è vicina Leggi l’articolo
Sindacato conflittuale e GBP Leggi l’articolo
Evitare che le nostre tesi siano fraintese
e le nostre concezioni travisate
Leggi l’articolo
Il partito comunista
è il motore della rivoluzione socialista
Leggi l’articolo
Il ruolo insostituibile del partito comunista
nella storia che dobbiamo fare
Leggi l’articolo
La scienza delle attività con cui
gli uomini fanno la loro storia
Leggi l’articolo
Riforma intellettuale
e morale dei suoi membri
perché il Partito sia all’altezza del suo compito
Leggi l’articolo

La Voce 49 – Nel 70° anniversario della vittoria della Resistenza

24 Mar

La Voce 49 del (nuovo)Partito comunista italiano

anno XVII marzo 2015

25 aprile 2015

Nel 70° anniversario della vittoria della Resistenza

Sono passati 70 anni da quel glorioso 25 aprile e oggi, se ci guardiamo attorno, è difficile immaginare le speranze che allora sembrava possibile realizzare. Il marasma, la disperazione e l’abbrutimento che ci circondano, rendono a molti persino incomprensibile il clima d’allora, anche a persone che tuttavia lo hanno vissuto. Proprio per far fronte alla situazione attuale e trasformarla, capire che possiamo risalire la china e come farlo, è importante capire perché da quell’epoca di speranza e fiducia siamo arrivati al triste presente. Imparare dalle sconfitte è quello che a lungo andare trasforma un esercito inesperto in un esercito vittorioso. Chi non capisce le ragioni dell’arretramento, cade facilmente preda dei disfattisti che sono succubi delle classi dominanti e da esse ispirati: si affannano a piangere che purtroppo il mondo è fatto così, che non c’è rimedio, che il nostro progetto è un’illusione, che il male prevale sul bene: rassegnazione e disperazione, viltà ed evasione dalla triste realtà. Continua a leggere

La Voce 49 – marzo 2015

22 Mar

in formato PDF
in formato Open Officein formato Word

La copertina

 Indice degli articoli:

Continua a leggere