Tag Archives: PRC

2017, centenario della Rivoluzione d’Ottobre

5 Gen

Comunicato CC 1/2017 – 5 gennaio 2017

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Battaglia per i CCNL e sommovimenti nel mondo sindacale

Attuazione dell’esito del Referendum del 4 dicembre e opposizione
all’eliminazione delle autonomie locali

Congressi del PC Rizzo e del PRC

Combattere le concezioni disfattiste e le posizioni attendiste

Il vecchio mondo muore e sta a noi comunisti guidare la classe operaia e le masse popolari a costruire il nuovo mondo!

2017, centenario della Rivoluzione d’Ottobre

Il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei metalmeccanici (convalidato il 22 dicembre) ha creato una situazione particolarmente favorevole all’azione dei comunisti e dei lavoratori avanzati. Una parte importante degli operai delle aziende metalmeccaniche chiamati ad approvarlo ha detto NO o si è astenuta dal votare l’infame Contratto concordato tra i padroni associati in Federmeccanica e Assistal e i sindacati complici FIOM, FIM e UILM, con il patrocinio di Confindustria e di CGIL-CISL-UIL. Su circa 678 mila operai e impiegati coinvolti nella votazione, di cui 555 mila presenti in fabbrica nell’orario del voto, circa 69 mila hanno votato NO, 209 mila si sono astenuti e certamente alcuni dei circa 277 mila che hanno votato SÌ lo hanno fatto “con la morte nel cuore”. Sta ora a noi comunisti e ai lavoratori più avanzati continuare Continua a leggere

Annunci

Ai compagni che sinceramente si professano comunisti e vogliono ricostruire il PRC

18 Lug

Comunicato CC 30/2013 – 18 luglio 2013

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Il fallimento del PRC può e deve contribuire alla rinascita del movimento comunista!

Noi comunisti vinceremo non perché non sbagliamo, ma perché impariamo dai nostri errori

Il materialismo dialettico insegna a noi comunisti, che vogliamo instaurare il socialismo, che dobbiamo considerare ogni individuo e ogni gruppo non principalmente per quello che dice, meno ancora per quello che pensa di essere e ancora meno per quello che dice di essere. Dobbiamo considerare ogni individuo e ogni gruppo principalmente per il ruolo che svolge e per il ruolo che, in determinate condizioni, può svolgere nel corso delle cose che noi comunisti vogliamo e possiamo indirizzare verso l’instaurazione del socialismo. Continua a leggere