Tag Archives: Manifesto Programma

La vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali USA di martedì 8 novembre conferma la crisi del sistema politico americano

9 Nov

Comunicato CC 21/2016 – 9 novembre 2016


[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word]

La vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali USA di martedì 8 novembre conferma la crisi del sistema politico americano, che è il caso più clamoroso e influente della crisi politica della borghesia imperialista in tutto il mondo. È una conferma dell’analisi del corso delle cose su cui il (n)PCI ha basato e basa la sua linea e la sua attività. Conferma l’analisi della crisi generale del capitalismo generata dalla crisi per sovrapproduzione assoluta di capitale, analisi che è alla base della comprensione del corso catastrofico delle cose che la borghesia imperialista impone al mondo. La vittoria di Donald Trump è la conferma della scienza delle attività con cui gli uomini hanno fatto e fanno la loro storia, della concezione comunista del mondo, del marxismo-leninismo-maoismo, il marxismo della nostra epoca, l’epoca della seconda ondata della rivoluzione proletaria mondiale e della rinascita del movimento comunista nel mondo. Il nostro Manifesto Programma  è anche l’esposizione sintetica di questa scienza. Continua a leggere

Bando alle illusioni! – Diamoci i mezzi necessari per vincere e combattiamo! – La rivoluzione socialista è l’unica via di salvezza!

12 Gen

Comunicato CC 01/2016 – 12 gennaio 2016

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

La crisi generale del capitalismo si aggrava in tutti i campi. A livello internazionale la guerra promossa dai gruppi e dalle potenze imperialiste si estende, il dissesto del sistema finanziario si aggrava, la crisi dell’economia reale corrode senza tregua il tessuto sociale e il sistema politico di tutti i paesi imperialisti. Il complesso finanziario-industriale-militare che governa gli USA non riesce a impedire che il caos dilaghi nel paese e ripone le sue speranze di sopravvivenza principalmente nell’estensione della guerra nel mondo. In Europa il proposito dei gruppi imperialisti franco-tedeschi di subentrare ai gruppi imperialisti USA nell’egemonia mondiale si scontra con la crescente insofferenza della borghesia dei singoli paesi per le costrizioni che esso comporta, con l’opposizione del Vaticano e con le manovre ostili dei gruppi imperialisti americani e sionisti. Il Partito che dirige la Cina si dice ancora comunista ma dopo la morte di Mao (di cui quest’anno ricorre il 40° anniversario) ha fatto abbandonare alla Cina il ruolo di retroterra Continua a leggere

Avviso ai naviganti 57

24 Nov

24 novembre 2015


(Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )

Sullo stato d’emergenza instaurato nei paesi europei e la nostra lotta

Riflessioni

Per mettersi in contatto con il Centro del (n)PCI senza essere individuati e messi sotto controllo dalle Forze dell’Ordine borghese, una via consiste nell’usare TOR [vedere
http://www.nuovopci.it/corrisp/risp03.html ], aprire una casella email con TOR e inviare da essa a una delle caselle del Partito i messaggi criptati con PGP e con la chiave pubblica del Partito [vedere
http://www.nuovopci.it/corrisp/risp03.html ].

Le istruzioni per l’uso di TOR e di PGP sono state recentemente aggiornate. Una versione più semplice delle precedenti è ora disponibile in
http://www.nuovopci.it/corrisp/risp03.html

Le reazioni agli attentati compiuti in Francia nei giorni scorsi hanno una volta ancora confermato che in politica la sinistra borghese è il braccio sinistro della borghesia imperialista e del suo clero. Essa si è spesa principalmente nel diabolizzare gli autori degli “attentati terroristici”, quindi nell’assecondare se non promuovere e organizzare l’aggregazione delle masse popolari attorno alle autorità dei paesi imperialisti in nome della “guerra al terrorismo”, aggregazione che è l’obiettivo che i gruppi imperialisti si ripromettono di raggiungere Continua a leggere

Avviso ai naviganti 51

23 Apr

25 aprile 2015

(Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )

Nel 70° anniversario della vittoria della Resistenza

 Sono passati 70 anni da quel glorioso 25 aprile 1945 e oggi, se ci guardiamo attorno, è difficile immaginare le speranze che allora sembrava possibile realizzare. Il marasma, la disperazione e l’abbrutimento che ci circondano, rendono a molti persino incomprensibile il clima d’allora, anche a persone che tuttavia lo hanno vissuto. Proprio per far fronte alla situazione attuale e trasformarla, capire che possiamo risalire la china e come farlo, Continua a leggere

Il Partito comunista, partito dell’avanguardia della classe operaia

1 Apr

Comunicato CC 10/2015 – 1° aprile 2015

Scaricate il testo in versione Open Office , PDF o Word
Inutile per lettori frettolosi!
Inutile anche per chi è convinto di sapere già tutto quello che lui ha bisogno di sapere per mettersi a fare: costui non deve leggere, ma fare verificando così la corrispondenza del suo pensiero con la realtà.
Questo Comunicato presuppone lettori che seguono il corso delle cose nel proprio paese e nel mondo, che vogliono ragionare con la loro testa su di esso e trovare la soluzione per cambiarlo nella direzione del progresso morale e intellettuale dell’umanità. Chi vuole dare soluzione ai problemi sociali, deve capire cosa la società deve fare e poi da cosa lui deve partire per portare la società a farlo.

 Per il 70° anniversario della vittoria della Resistenza

Facciamo tesoro degli insegnamenti della prima ondata della rivoluzione proletaria mondiale per raccogliere e valorizzare anche il contributo di Maurizio Landini alla rivoluzione socialista nel nostro paese!

 

Uno dei risultati positivi dell’iniziativa di Maurizio Landini e della FIOM è di aver posto con autorevolezza all’attenzione di centinaia di migliaia di operai metalmeccanici e di una parte importante del resto delle masse popolari la questione del potere nel nostro paese, Continua a leggere

A dieci anni dalla fondazione del nuovo Partito Comunista Italiano

5 Ott

Comunicato CC 30/2014 – 3 ottobre 2014

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Avanti nella lotta per instaurare il socialismo e contribuire così alla seconda ondata della rivoluzione proletaria mondiale!

Il X anniversario della fondazione del (n) PCI è l’occasione per fare il punto sul lavoro che abbiamo fatto, le lezioni che ne tiriamo e il lavoro che ci resta da fare per arrivare a instaurare il socialismo nel nostro paese e avviare la transizione dal capitalismo al comunismo. Con questo contribuiamo alla rivoluzione proletaria mondiale perché il primo paese imperialista che rompe le catene della Comunità Internazionale Continua a leggere

Avviso ai naviganti 37 e due articoli

14 Gen
Simbolo del (n)PCI I comunicati del (n)PCI

 

14 gennaio 2014

 

(Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )

 

Il partito comunista non è il partito delle rivendicazioni, delle proteste e delle denunce. È il partito che mobilita, organizza e dirige la classe operaia e il resto delle masse popolari a costruire il proprio potere conquistando una posizione dopo l’altra a spese della borghesia e del clero fino ad eliminare completamente il loro potere.

 

 

 

Il movimento comunista rinasce perché supera i suoi limiti che gli hanno impedito di condurre la prima ondata della rivoluzione proletaria fino all’instaurazione del socialismo in tutto il mondo! Continua a leggere

Gramsci et la Guerre Populaire Révolutionnaire de Longue Durée

31 Ott

Article de

La Voce du nouveau Parti communiste italien n° 44 juillet 2013

Télécharger le texte du communiqué : Texte en Open Office  Texte en PDFTexte en word

La “guerre de position” de Gramsci est substantiellement une périphrase pour la plus explicite expression Guerre Populaire Révolutionnaire de Longue Durée (GPR de LD) que nous utilisons, reprenant celle-ci de Mao.(1)

1. La Voce du nouveau PCI, n° 43, mars 2013, p. 5

Nous publions avec grand plaisir l’article du camarade Folco R. qui illustre l’apport d’Antonio Gramsci à l’élaboration de la stratégie de Guerre populaire révolutionnaire comme stratégie de la  révolution socialiste dans les pays impérialistes.

Avant toute chose parce que le mouvement communiste de notre pays a un besoin absolu d’affiner son analyse quant aux formes de la révolution socialiste. Plus notre lutte avance, plus se développe largement Continua a leggere

Avviso ai naviganti 31 – Seconda lettera aperta ai membri di Proletari Comunisti che scemi non sono

9 Ott

9 ottobre 2013

 (Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )

L’enigma sarà sciolto, ma i conti non tornano!

Sul sito di Proletari Comunisti (ProCom), la compagna MC il 7 ottobre ha pubblicato un articolo: Abbiamo sciolto l’enigma (su Carc-(n)PCI), l’enigma che ProCom aveva enunciato nell’articolo pubblicato il 3 ottobre Ma i CARC-(n)PCI sono scemi o ci fanno? Di questo articolo abbiamo già detto nell’Avviso ai Naviganti 30, ma ora che MC è più tranquilla, addirittura riconosce lo “spessore umano” dei CARC e dichiara loro “rispetto”, proviamo a fare un altro passo e a ragionare. E anzitutto facciamo a MC o a ProCom due domande. Continua a leggere

Commento di Larobe all’Avviso ai naviganti 28 e la nostra risposta

6 Set

Larobe

 Sarebbe utile non alimentare divisioni disquisendo sul riformismo/concertazione (di cui forse tutti gli interlocutori, in passato, sono rimasti -in buona fede- vittime). Nei comunicati sia di npci, carc e Isckra Lab. trovo coincidenza di obiettivi. Anche la questione dell’interclassismo è un un aspetto marginale, una variabile contingente dettata dal momento, di crisi.

La STRADA da percorrere è il punto fondamentale: a leggerle a me sono parse condivisibili entrambe le impostazioni; c’è da capire quale, da un punto di vista operativo, sia la più efficace nel momento attuale e oggettivamente realizzabile. Quanto afferma Iskra Lab. non è “propedeutico”, in effetti, (sia pure viziato da apparente concertazione) ai futuri sviluppi prospettati da npci-carc? (Governo di blocco popolare, ecc.). Mi sembra che decenni di abile distruzione della coscienza di classe richiedano un tempo non brevissimo per ricostruire un minimo le coscienze imborghesite dei più, specie dei più giovani, cresciuti a pane e consumismo.

Una cosa è certa: se anche chi si sta impegnando in questa (nuova) lotta si sofferma sui motivi di divisione e non di unione (lo scopo), allora non c’è speranza.

Saluti

 ________________________

Saluti, compagna. Siamo contenti che sei intervenuta nel dibattito. Le acque stagnanti sono dannose Continua a leggere