Tag Archives: Governo M5S-Lega

Traballa il primo governo di rottura con le Larghe Intese!

13 Ago
Visita il sito del (n)PCI Leggi e diffondi La Voce n. 62 del (n)PCI

Comunicato CC 17/2019 – 13 agosto 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

 

Gli esponenti dei vertici della Repubblica Pontificia, dell’Unione Europea, della NATO e del sistema finanziario internazionale si azzannano tra loro per imporre ognuno un governo più adatto ai suoi interessi. Continua a leggere

Questa è la legittima difesa di cui abbiamo realmente bisogno!

1 Apr

Comunicato CC 6/2019 – 1° aprile 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

 

  

Il 27 marzo il Senato ha approvato la legge sulla legittima difesa. Matteo Salvini, lo sciacallo, esulta. Da oggi l’Italia sarà più sicura, afferma, perché ogni cittadino sarà più libero di difendersi in casa propria, nel negozio o altri locali di sua proprietà (di usare armi contro aggressori, rapinatori, ladri e intrusi) con meno rischio di essere condannato per eccesso nell’uso della violenza. Fratelli d’Italia e Forza Italia votano compatti a favore della legge. Anche il M5S vota a favore, eccetto 15 senatori che disertano il voto (6 sono presenti ma si astengono e 9 sono “assenti giustificati”, perché in “missione”). Assenti dall’aula i membri M5S del governo. Dopo il Decreto sicurezza, la legge sulla legittima difesa è una nuova misura reazionaria adottata dal governo M5S-Lega, in continuità con il programma comune portato avanti per quarant’anni dalle Larghe Intese (PD e il Partito di Berlusconi): far fronte alla crisi del capitalismo peggiorando la condizione delle masse popolari. Salvini lo sciacallo e chi con lui esulta per la legge, individua negli autori di violenze gratuite e di aggressioni, negli stupratori, nei rapinatori, nei ladri e in altri soggetti che violano la proprietà privata, la fonte dello stato generale di insicurezza che regna nel paese. Alla stregua degli “immigrati che sono la causa della disoccupazione degli italiani” perché per sopravvivere accettano condizioni di lavoro al di sotto di ogni decenza. Cittadini più armati e porti sbarrati sono i due ingredienti per la rinascita del nostro paese, ad avviso di Salvini e dei suoi simili. Continua a leggere

È impossibile cambiare un paese rispettando i diritti acquisiti dei suoi tiranni

30 Ott

Comunicato CC 20/2018 – 29 ottobre 2018

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Cosa significa per M5S e per il governo M5S-Lega lasciar fare a British Petroleum il TAP

“Voi che volete cambiare il corso delle cose, non possedete le più elementari cognizioni delle leggi fatte dai promotori e fautori dell’attuale catastrofico corso delle cose. Noi invece ben le conosciamo e il governo M5S-Lega le deve osservare, altrimenti i loro magistrati ci condannano a pagare enormi pene pecuniarie”.

Ecco in sintesi il proclama di Giuseppe Conte ai cittadini di Melendugno e alle masse popolari italiane, ivi compresi i lavoratori licenziati osservando le leggi dei capitalisti e con l’approvazione dei loro magistrati.

La lettera aperta [https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/] che venerdì 26 ottobre Giuseppe Conte, presidente del Consiglio dei Ministri del governo M5S-Lega, ha mandato ai cittadini di Melendugno, mette chiaramente in gioco la sorte del governo stesso, ancora più chiaramente di quanto l’ha messa in chiaro il comportamento che il governo ha tenuto dal 14 agosto a oggi di fronte al crollo del Ponte Morandi di Genova, nel rispetto delle leggi che tutelano gli interessi dei concessionari delle autostrade capeggiati dalla famiglia Benetton. A proposito di questo comportamento rimandiamo al Comunicato Rapido 2 (3 settembre 2018) e al Comunicato Rapido 3 (14 settembre 2018). Qui consideriamo il caso del TAP (Trans Adriatic Pipeline) che devasterà l’Adriatico, Melendugno Continua a leggere

Avrà il governo M5S-Lega l’ardire di non versare il tributo annuale che i governi delle Larghe Intese da anni versano all’Unione Europea?

25 Ago

Comunicato CC 15/2018 – 25 agosto 2018

Appello a rafforzare il movimento comunista cosciente e organizzato

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Da dove il governo M5S-Lega può ricavare la forza per far fronte agli effetti del suo ardire se oserà mettere in pratica le sue minacce?

Il 23 agosto il governo M5S-Lega per bocca di Di Maio, Salvini e Conte ha minacciato di non versare per il 2019 il tributo che da anni ognuno dei governi delle Larghe Intese (non importa se capeggiato da esponenti PD o da Berlusconi) ha versato alle istituzioni dei gruppi imperialisti europei. Continua a leggere