Tag Archives: Governo di Salvezza Nazionale

Promuovere in tutto il paese vaste, ripetute, numerose e diffuse manifestazioni di piazza e pronunciamenti fino a indurre i vertici della Repubblica Pontificia a rispettare i risultati delle elezioni e affidare l’incarico di formare il governo al capo della lista che ha vinto le elezioni!

30 Mar

Comunicato CC 3/2018 – 29 marzo 2018

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Le masse popolari e il futuro governo Di Maio: valorizzare i risultati delle elezioni del 4 marzo!

Con le elezioni del 4 marzo le masse popolari hanno anzitutto manifestato un diffuso rigetto di tutti i gruppi e gli esponenti del sistema politico delle Larghe Intese che da anni si alternano al governo per attuare il programma comune della borghesia imperialista, patrocinato dall’Unione Europea, dalla BCE, dalla NATO e dalla Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti. Il programma comune è il programma della miseria per le masse e dell’arricchimento per finanzieri, speculatori e corrotti, dell’eliminazione delle conquiste e dei diritti dei lavoratori, dei licenziamenti e della disoccupazione neanche compensati da decenti ammortizzatori sociali, della graduale liquidazione dell’apparato produttivo, della riduzione del sistema sanitario nazionale, dell’istruzione pubblica, delle pensioni e del sistema di sicurezza sociale, della privatizzazione dei servizi pubblici, Continua a leggere

Annunci

Il potere dei vertici della Repubblica Pontificia traballa!

30 Set

Comunicato CC 37/2013 – 30 settembre 2013

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Moltiplicare il numero delle Organizzazioni Operaie e delle Organizzazioni Popolari. Promuovere il loro coordinamento a livello locale e nazionale. Orientare tutte le OO e OP verso la costituzione di un loro governo d’emergenza e a rendere il paese ingovernabile ai vertici della Repubblica Pontificia, fino a far loro ingoiare la costituzione del Governo di Blocco Popolare! Continua a leggere

Prova d’appello per Beppe Grillo e il M5S – Cosa diventeranno Beppe Grillo e il M5S?

9 Lug

Comunicato CC 29/2013 – 9 luglio 2013

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Il materialismo dialettico ci insegna che ogni cosa è quello che è e anche quello che non è ma ha in sé i presupposti per diventare e, in determinate condizioni, lo diventerà. Un uovo fecondato se covato diventerà un pulcino. Un sasso per quanto covato non diventerà un pulcino. Ma un uovo fecondato è tante altre cose ancora: ingrediente per frittata, oggetto da gettare in faccia a Letta, a Napolitano o a Berlusconi, modello per natura morta, … e altro ancora. E questo vale ancora di più per un uomo e per un organismo.

Cosa è un fatto, la sua effettiva natura, è il contesto che lo decide. Una spinta è pur sempre una spinta, ma può essere il gesto con cui salvate una persona che sta per essere investita o il gesto con cui uccidete una persona che è sul ciglio di un burrone.

Dunque infine Grillo sarà ricevuto da Napolitano, Continua a leggere

Trasformare le Amministrazioni Comunali in Amministrazioni Comunali d’Emergenza!

29 Mag

Comunicato CC 23/2013 – 29 maggio 2013

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

 

Costituire subito un Governo di Salvezza Nazionale!

 

 

L’esito delle elezioni comunali di domenica 26 e lunedì 27 maggio conferma chiaramente che cresce l’indignazione delle masse popolari contro i vertici della Repubblica Pontificia e i loro portavoce. L’astensione è il risultato delle mancanza a livello locale di gruppi dirigenti autorevoli che abbiano dimostrato di essere decisi a percorrere la via della costruzione di amministrazioni comunali d’emergenza. Questa è la causa principale dello scarso risultato elettorale nelle elezioni locali anche delle liste del Movimento 5 Stelle che ha ottenuto un grande successo nelle elezioni nazionali di febbraio. Le esitazioni di Beppe Grillo e del M5S a costituire un Governo di Salvezza Nazionale dopo la vittoria elettorale di febbraio, la rinuncia il 20 aprile a mobilitare le masse per impedire il colpo di Stato perpetrato dai vertici della Repubblica Pontificia, il legalitarismo che ha fatto dell’Amministrazione Comunale di Parma (2012) l’onesta esecutrice delle leggi, norme e imposizioni della Repubblica Pontificia e del suo governo illegittimo e illegale, alla pari dell’Amministrazione De Magistris a Napoli (2011) e Pisapia a Milano (2011), hanno portato l’indignazione crescente delle masse popolari ad esprimersi come mostrano i risultati di domenica e lunedì. Continua a leggere

Costituire subito un Governo di Salvezza Nazionale!

26 Mag

Comunicato CC 22/2013 – 26 maggio 2013

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

Se il prossimo scontro politico in Italia si riducesse davvero allo scontro elettorale tra un capocomico e un nano, certamente sarebbero i vertici della Repubblica Pontificia a vincere: con il nano o con il capocomico!

Le masse popolari organizzate possono avviare il nostro paese verso la fine della crisi del capitalismo e con questo aprirebbero anche alle masse popolari degli altri paesi imperialisti la strada del progresso fino a instaurare il socialismo e porre fine al capitalismo!

Beppe Grillo ha proclamato che alle elezioni previste per il prossimo autunno, lo scontro sarà tra lui, capocomico sconclusionato (così lo aveva qualificato Berlusconi), e il nano (così Grillo ha qualificato Berlusconi). Ma lo scontro sarebbe tra un nano e un capocomico, solo se Grillo si candidasse anche lui a diventare il portavoce politico dei vertici della Repubblica Pontificia. Da quasi trent’anni i vertici della Repubblica Pontificia non hanno trovato portavoce politico migliore di Berlusconi, capo della criminalità organizzata e prima burattinaio di Craxi e poi, dopo “la trattativa Stato-Mafia” dei primi anni ’90, in prima persona in combinazione con Prodi, come ben sanno Napolitano, Violante & C: “come tutti sanno” direbbe D’Alema. Berlusconi ha molti nemici anche nei vertici della Repubblica Pontificia, ma sostituirlo non è facile. Ci hanno provato con Prodi e con Monti, ma i risultati non sono stati buoni per i vertici della Repubblica Pontificia. Continua a leggere