Tag Archives: Governo di Blocco Popolare

La lezione che i comunisti devono trarre dalle elezioni regionali del 26 gennaio

30 Gen

Comunicato CC 03/2020 – 30 gennaio 2020

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

La lezione che i comunisti devono trarre dalle elezioni regionali del 26 gennaio

Attuare con maggiore convinzione e iniziativa la linea del Governo di Blocco Popolare!

Per un insieme di circostanze e di manovre le elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna del 26 gennaio hanno assunto il ruolo di sondaggio dell’orientamento delle masse popolari rispetto all’attività del governo. In particolare l’esito delle elezioni in Emilia Romagna avrà certamente ripercussioni nazionali. Esso determina inevitabilmente un’importante trasformazione nel ruolo dei tre principali attori sui quali i vertici e i padrini della Repubblica Pontificia si basano per costituire il governo e gestire l’attività della Pubblica Amministrazione del nostro paese: il polo PD con i suoi frammenti e satelliti, il polo Berlusconi nel quale la Lega di Matteo Salvini si è almeno provvisoriamente imposta come capofila, il M5S che l’esito delle elezioni politiche del 4 marzo 2018 ha reso attore imprescindibile. Noi comunisti dobbiamo comprendere le trasformazioni in corso in campo nemico Continua a leggere

L’economia del paese è il principale affare pubblico!

13 Gen

Comunicato CC 01/2020 – 12 gennaio 2020

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

L’economia del paese è il principale affare pubblico!

È la base necessaria anche per l’ordine pubblico, per la buona e sana formazione delle nuove generazioni, per l’istruzione, per la salute e l’assistenza sanitaria, per l’emancipazione delle donne e degli immigrati, per una vita dignitosa degli anziani e degli invalidi, per la prevenzione dell’inquinamento e il risanamento e miglioramento dell’ambiente!

Lottare contro la partecipazione dell’Italia alle aggressioni della comunità internazionale dei gruppi imperialisti UE, USA e sionisti!

Fuori l’Italia dalla NATO e dall’UE!

Fuori le basi NATO dall’Italia!

Gestire le attività economiche secondo un piano nazionale unitario teso a soddisfare i bisogni della popolazione e le necessità delle relazioni con gli altri paesi è la base per poter gestire a favore della popolazione ogni altro aspetto della vita sociale. Bisogna quindi porre alla testa del paese autorità che assumono con determinazione questo come loro compito principale. Solo autorità emanazione degli operai e degli altri lavoratori organizzati Continua a leggere

No al rafforzamento del MES!

5 Dic

Comunicato CC 27/2019 – 5 dicembre 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

No al rafforzamento del MES!

Approvando il rafforzamento del MES il governo Conte 2 (M5S-PD) conferma e rafforza la sottomissione dell’Italia alla UE e alla NATO, ereditata dal governo Conte 1 (M5S-Lega) e dai governi delle Larghe Intese tra il polo PD e il polo Berlusconi (dalle manovre di Massimo D’Alema fino al Patto del Nazareno) che hanno preceduto il Conte 1.

 

Il MES (Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche Fondo Salva-Stati) è un’istituzione dell’UE e ha rafforzato il cappio che i gruppi imperialisti europei hanno messo al collo dei singoli paesi con la creazione dell’Unione Europea (Trattato di Maastricht, firmato il 7 febbraio 1992 e in vigore dal 1° novembre 1993 e Trattato di Lisbona, firmato il 13 dicembre 2007 e in vigore da 1° dicembre 2009). Con l’UE i gruppi imperialisti miravano a eliminare completamente le conquiste che le masse popolari dei paesi europei Continua a leggere

In tutto il mondo le masse popolari dei paesi dominati dalla Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti protestano e si rivoltano contro i regimi che essi impongono!

13 Nov

INDICE DEI COMUNICATI 

(nuovo)Partito comunista italiano(nuovo)PCI

Comitato Centrale

Sito: www.nuovopci.it
e.mail: nuovopci@riseup.net

 

Delegazione

BP3  4, rue Lénine 93451 L’Île St Denis (Francia)
e.mail: delegazione.npci@riseup.net

Comunicato CC 26/2019 – 13 novembre 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Bolivia – W la resistenza delle masse popolari al colpo di Stato!

In ogni paese partiti e dirigenti della masse popolari sono messi alla prova e costretti a dare alla rivoluzione la forma che per vincere deve assumere!

Il colpo di Stato promosso dai gruppi imperialisti USA in Bolivia ha indotto il presidente Evo Morales e alcuni esponenti del suo governo a dimettersi e a cercare rifugio all’estero o nelle ambasciate. Ma le masse popolari della Bolivia si rivoltano contro fascisti e militari Continua a leggere

20 Ott
Visita il sito del (n)PCI Vai al Blog del (n)PCI Leggi e diffondi La Voce n. 62 del (n)PCI

Comunicato CC 23/2019 – 20 ottobre 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Appello agli operai della Whirlpool di Napoli, della Embraco di Torino e di tutte le altre aziende Whirlpool sparse per l’Italia

Whirlpool è una delle filiazioni industriali di un grande gruppo finanziario USA. Ha comperato fabbriche e imprese in Italia e in altri paesi imperialisti (Francia, ecc.) e in particolare ha concentrato nelle sue mani la produzione di elettrodomestici e componenti. Ora sta sistematicamente chiudendo e delocalizzando la produzione in paesi dove i salari sono più bassi e le leggi a protezione delle condizioni di lavoro e dell’ambiente sono più permissive. Continua a leggere

Impedire lo smantellamento dell’apparato produttivo del paese è il punto principale di una vera lotta per la sovranità nazionale!

10 Ott
Visita il sito del (n)PCI Vai al Blog del (n)PCI

Comunicato CC 22/2019 – 10 ottobre 2019

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Nessuna azienda deve essere chiusa, smembrata, ridotta di dimensioni, venduta a gruppi stranieri!
Nazionalizzare senza indennizzo le aziende che i capitalisti vogliono vendere, smembrare, ridurre, delocalizzare!

Impedire lo smantellamento dell’apparato produttivo del paese è il punto principale di una vera lotta per la sovranità nazionale!

Alitalia, Whirlpool, FCA, CNH-Iveco, ex Lucchini, Ilva, Embraco, Bekaert, Electrolux, … procede inesorabile la liquidazione delle aziende che producono beni e servizi.

È una distruzione che ha radici lontane. Prima i governi del CAF (Craxi, Andreotti, Forlani) e poi quelli delle Larghe Intese (PD con partitini satelliti, Berlusconi con Lega e gli attuali Fratelli d’Italia) hanno fatto dell’Italia un terreno libero per le scorrerie dei gruppi imperialisti che comprano, chiudono, smembrano e delocalizzano aziende industriali. Hanno privatizzato quasi tutto il sistema industriale pubblico Continua a leggere

Far sorgere organismi di operai avanzati in ogni azienda capitalista e di lavoratori avanzati in ogni azienda pubblica!

9 Set
(nuovo)PCI(nuovo)Partito comunista italiano

Comitato Centrale

Sito: www.nuovopci.it
e.mail: nuovopci@riseup.net

Delegazione

BP3  4, rue Lénine 93451 L’Île St Denis (Francia)
e.mail: delegazione.npci@riseup.net

Comunicato CC 19/2019 – 8 settembre 2019, 76° anniversario della fuga del re e di Badoglio da Roma

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

In occasione della costituzione del secondo governo M5S

Far sorgere organismi di operai avanzati in ogni azienda capitalista e di lavoratori avanzati in ogni azienda pubblica!
Le masse popolari organizzate nelle aziende e territorialmente sono in grado di porre fine al catastrofico corso delle cose che l’UE e la NATO impongono anche nel nostro paese!

I vertici della Repubblica Pontificia hanno rapidamente sostituito al governo M5S-Lega il governo M5S-PD con la benedizione di papa Bergoglio e il consenso dell’UE e della comunità internazionale degli altri gruppi imperialisti.

In cosa il governo Conte 2 si distingue dal governo Conte 1? Quale sarà il ruolo del nuovo governo nella lotta tra le classi in corso nel nostro paese? Cosa faremo noi membri del (n)PCI? Cosa incitiamo a fare i membri della Carovana del (n)PCI e tutti quelli che vogliono porre fine alla devastazione del pianeta, alla delocalizzazione di aziende e alla distruzione dell’apparato produttivo industriale e agricolo, alle grandi opere inutili e dannose per la massa della popolazione, alla privatizzazione dei servizi pubblici, all’austerità per le masse popolari, all’oppressione e discriminazione delle donne, alle guerre e alle altre manifestazioni del catastrofico corso delle cose? Continua a leggere