Facciamola finita! – Smettiamola di vivere come schiavi dei capitalisti e dei loro agenti!

18 Giu

Comunicato CC 11/2018 – 18 giugno 2018

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Che in ogni azienda e istituzione i lavoratori più avanzati si organizzino e prendano l’iniziativa!
Allargare in ogni campo la breccia aperta nel sistema politico delle Larghe Intese!

Facciamola finita!

Smettiamola di vivere come schiavi dei capitalisti e dei loro agenti!

Siamo capaci di farlo! È possibile farlo! È necessario farlo!

Con le elezioni del 4 marzo 2018 le masse popolari del nostro paese hanno aperto una breccia nel sistema politico delle Larghe Intese capeggiato dal PD di Renzi-Gentiloni e dall’alleanza Forza Italia di Berlusconi, Lega di Salvini, Fratelli d’Italia di Meloni. Il colpo di Stato tentato il 27 maggio da Sergio Mattarella è fallito e il 1° giugno i vertici della Repubblica Pontificia hanno insediato il governo Di Maio-Salvini (M5S-Lega) con a capo Giuseppe Conte.

Quelli che denigrano il “governo del cambiamento” sbagliano: si tratta non di richiudere ma di allargare la breccia aperta nel sistema politico delle Larghe Intese, con ogni mezzo! La stessa insofferenza che ha portato le masse popolari al risultato del 4 marzo, potenziata dalla mobilitazione e dall’organizzazione che sta a noi creare, andrà oltre il “governo del cambiamento” ancora succube dei vertici della Repubblica Pontificia, porterà al governo di emergenza delle masse popolari organizzate e porterà all’instaurazione del socialismo!

Oggi i vertici della Repubblica Pontificia sono costretti a “fare di necessità virtù”. Un tempo il defunto Gianni Agnelli diceva che in Italia per prendere misure favorevoli ai padroni ci voleva un governo di sinistra (cioè, allora, legato sottobanco al PCI dominato prima dai revisionisti moderni e poi dalla sinistra borghese). Ora i vertici della RP contano di far fare al “governo del cambiamento” M5S-Lega, frutto dell’insofferenza popolare contro le Larghe Intese, più e meglio di quello che facevano i governi delle Larghe Intese.

Anche la Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti (NATO, UE, Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale e tutta l’oligarchia finanziaria mondiale) ha accettato il governo Di Maio-Salvini: sono convinti di averlo sotto controllo, di riuscire a fargli continuare le politiche del governo Gentiloni, anzi di fargli fare di più e meglio, per i loro interessi.

Gli esponenti del sistema politico delle Larghe Intese sono indeboliti dalla posizione ambigua della Lega: questa continua a governare Regioni e Comuni con Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma è anche parte decisiva del “governo del cambiamento” Di Maio-Salvini. Tuttavia Renzi, Berlusconi e i loro associati fanno a gara a denunciare il governo Di Maio-Salvini: gli rimproverano di fare la stesse cose che hanno fatto Gentiloni, Renzi, Letta, Monti, Berlusconi, Prodi succedendo l’uno all’altro, di fare con arroganza e con dichiarazioni pubbliche di indipendenza quello che loro facevano osservando anche le forme della sudditanza alla UE e alla NATO. In particolare gareggiano tra loro nel cercare di manipolare le masse popolari: si associano a Papa Bergoglio e rimproverano al governo Di Maio-Salvini di proseguire contro gli immigrati (per ora solo escludendo i privati dalle operazioni di soccorso in mare: ha iniziato nel caso concreto con l’Aquarius, la nave di una ONG, la SOS Méditerranée) la stessa politica che Napolitano ha inaugurato (1997) con ben maggiore ferocia facendo affondare dalla Marina Militare italiana la Kater i Rades carica di immigrati albanesi, la  stessa politica proseguita con le leggi Turco-Napolitano, Bossi-Fini fino alla Orlando-Minniti. Proprio i gruppi e gli esponenti delle Larghe Intese sono stati i principali (sebbene ipocriti) promotori della mobilitazione reazionaria delle masse popolari in particolare contro gli immigrati, cioè sono stati e sono i promotori principali della trasformazione del contrasto tra masse popolari e borghesia in contrasti tra parti delle masse popolari. È la Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti che costringe milioni di persone a emigrare destabilizzando gli Stati che si oppongono alla libera circolazione dei capitali e devastando i paesi aperti alle scorrerie internazionali dei capitalisti. Sono i capitalisti che nei paesi imperialisti sfruttano gli immigrati costringendoli a salari e a condizioni di vita peggiori di quelli che sono finora riusciti a imporre al grosso dei lavoratori d’origine italiana. I governi delle Larghe Intese hanno costantemente operato al servizio degli interessi dei capitalisti. I gruppi e gli esponenti del sistema politico delle Larghe Intese si ricandidano per dirigere ancora in futuro il governo italiano della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti, ma si illudono quando pensano di risalire la china del loro declino elettorale.

Gran parte degli esponenti della vecchia sinistra borghese (quella erede dei revisionisti moderni) condivide e riecheggia le denunce dei politicanti delle Larghe Intese. Anziché allargare la breccia aperta nel sistema politico delle Larghe Intese, organizzazioni e personaggi della vecchia sinistra borghese cercano di trascinare dalla loro parte le masse popolari e di conquistare il loro favore in vista delle prossime elezioni. Ma anche essi si illudono. Dal punto di vista degli interessi delle masse popolari, in particolare dei proletari, non hanno alcuna buona ragione e quindi non riusciranno a far apprezzare la minestra riscaldata di buoni propositi e di illusioni che propongono. Le loro aspirazioni si scontrano con la realtà. Non osano affrontarla per quello che è: proprio in questi giorni sul “sacco di Roma” stanno facendo un gran chiasso per nascondere un fatto semplice, cioè che la politica urbanistica a Roma è dettata dal Vaticano e dalle congregazioni religiose che sono direttamente o indirettamente proprietarie dei terreni e degli immobili (neanche a pensarci di nazionalizzarli!) e di una parte decisiva dell’economia della Capitale.

Venendo agli interessi delle masse popolari, in particolare degli operai e dei proletari, è un fatto che il governo Di Maio-Salvini non ha la forza di attuare le misure favorevoli ai lavoratori e alle masse popolari contenute nei programmi elettorali del M5S e della Lega, neanche quelle indicate nel Contratto di governo Di Maio-Salvini, né si sta dando i mezzi per farlo. Questo è un fatto, indipendentemente dalle intenzioni, dalle idee e dalle parole dei suoi capi, fautori ed elettori.

Cosa significa darsi i mezzi per farlo?

Finché l’economia del nostro paese è nelle mani dei capitalisti, questi faranno quello che ritengono utile per valorizzare il proprio capitale (i loro propagandisti le chiamano “leggi dell’economia”): riduzione di personale compensato nel migliore dei casi con ammortizzatori sociali, delocalizzazione di aziende, esternalizzazione di lavorazioni con in più appalti e subappalti, precarizzazione dei lavoratori, riduzione di diritti e di salari. I gruppi finanziari italiani ed esteri ricatteranno il governo con il Debito Pubblico e gli interessi (spread, compatibilità finanziaria, pareggio di bilancio, ecc.). I loro propagandisti faranno di tutto per intossicare l’opinione pubblica come i vertici della Repubblica Pontificia (finanzieri, cardinali, speculatori, esponenti della criminalità organizzata e associati) crederanno meglio. Tutte le politiche seguite dall’inizio della crisi negli anni ’70 e accentuate dopo l’ingresso nel 2008 nella fase acuta e terminale della crisi, corrispondono a queste esigenze dei capitalisti, in ogni campo: l’istruzione pubblica, le pensioni, la sicurezza sociale, i servizi pubblici, la manutenzione del territorio, l’inquinamento dell’ambiente, la sicurezza personale, ecc. Non c’è campo che non è stato trasformato per fare gli interessi dei capitalisti, eliminando o riducendo le conquiste di civiltà e di benessere che la borghesia aveva dovuto concedere quando il movimento comunista era forte e la rivoluzione proletaria avanzava nel mondo minacciando il loro potere e i loro privilegi.

L’attuale catastrofico corso delle cose non è casuale, non è dovuto a cattiveria di individui o a errori di valutazione: è quello che i capitalisti devono fare stante la crisi economica del loro sistema e la crisi generale che ne deriva. “Siamo in  guerra!”, così Marchionne ha descritto, per una volta esattamente, lo stato delle cose che regna tra i capitalisti. Ogni capitalista deve valorizzare il suo capitale: deve produrre quello che riesce a vendere (non importa che sia veleno o pornografia), lo deve produrre a prezzi minori dei suoi concorrenti (essere competitivi, sottrarre mercato ai suoi concorrenti), lo deve vendere a ogni costo imbrogliando quanto necessario (da qui le grandi spese in pubblicità, imballaggio, promozione). I capitalisti coinvolgono popoli e paesi nella guerra che loro devono condurre l’uno contro l’altro a causa del sistema storicamente sorpassato di cui sono esponenti e feroci fautori come ossessi.

Chi vuole davvero prendere misure favorevoli alle masse popolari e quindi contrastanti con gli interessi dei capitalisti, deve darsi i mezzi per farlo, per far fronte ai loro ricatti e alle loro aggressioni, all’interno e dall’estero.

Un governo per fare gli interessi delle masse popolari deve appellarsi alle masse popolari, ai lavoratori delle aziende produttrici, a quelli delle banche e delle istituzioni finanziarie perché denuncino e prevengano le manovre dei loro padroni: basta con i segreti commerciali, finanziari e fiscali. Deve favorire in ogni modo la mobilitazione e l’organizzazione delle masse popolari per far funzionare la società secondo gli interessi delle masse popolari stesse. Deve bloccare il servizio del Debito Pubblico (il pagamento dei titoli in scadenza e degli interessi) e trasformare i titoli proprietà di membri delle masse popolari in depositi bancari disponibili per le loro spese.

Per questo noi comunisti ci appelliamo anche ai fautori, ai sostenitori e agli elettori che hanno votato M5S o Lega contro i governi delle Larghe Intese e contro la sottomissione di questi governi alla NATO e all’UE. Se appartengono alle masse popolari, devono farsi promotori in ogni azienda privata e pubblica e in ogni istituzione dell’organizzazione dei lavoratori per prendere in mano e promuovere da subito nel loro luogo di lavoro e nella zona circostante misure conformi agli interessi delle masse popolari ed esigere che il governo M5S-Lega li sostenga. Se sono esponenti delle organizzazioni o delle strutture della società civile, dell’amministrazione degli enti locali o dei sindacati, devono costituire organismi che promuovono e sostengono la mobilitazione e l’organizzazione dei lavoratori e delle masse popolari e le loro iniziative.

Bisogna opporsi in ogni azienda e in ogni istituzione alla riduzione di personale, alle delocalizzazioni e alle esternalizzazioni. Ogni progresso tecnologico è benvenuto e deve andare a favore della riduzione del tempo di lavoro e della fatica, al miglioramento della produzione e delle condizioni di lavoro e alla riduzione dell’inquinamento. Tutti i miglioramenti tecnologici devono essere generalizzati: basta con il segreto industriale.

Tutti quelli che svolgono attività stabili in un’azienda, devono essere integrati nell’organico dell’azienda: basta con appalti, subappalti, esternalizzazioni e precariato. Le lavorazioni saltuarie devono essere affidate per tutte le aziende di una zona ad agenzie territoriali che le svolgano per tutte le aziende della zona. Le aziende devono produrre tutto e solo quello che le istituzioni sociali a questo deputate stabiliscono e ricevere quello che loro occorre per produrre. Ogni azienda deve essere valutata in base alla quantità e qualità della sua produzione, alle materie prime e all’energia che consuma, alle condizioni di lavoro in cui funziona e all’inquinamento e ai rifiuti che produce. Agenzie territoriali possono svolgere per tutta la popolazione e per aziende e istituzioni tutte le attività oggi svolte da lavoratori precari. Ogni azienda deve diventare un centro di vita sociale e culturale per la zona dove è insediata. Basta con aziende che producono veleni e porcherie pur che si vendano e che consumano quello che vogliono pur che costi poco: basta con aziende che esistono per far fare soldi ai capitalisti loro proprietari.

La cura e la formazione delle nuove generazioni deve essere compito, dovere e opera di tutta la società, senza restrizioni di alcun genere. La regola generale deve essere: elevare il livello culturale e insegnare a pensare, senza limiti alle risorse necessarie. Oggi esistono le risorse per assicurare a ogni persona in ogni campo tutta l’assistenza di cui ha bisogno. In una società in cui ogni individuo svolge un lavoro socialmente utile e riconosciuto, la sicurezza si riduce a reprimere e prevenire i comportamenti asociali di singoli individui, la repressione e la prevenzione possono essere svolte localmente e senza difficoltà dalla popolazione stessa, previa una formazione universale adeguata.

 I grandi traffici della criminalità organizzata, del traffico di droghe, esseri e organi umani e armi sono strutturalmente connessi ai traffici industriali e finanziari dei capitalisti. Si combattono efficacemente solo se si pone fine alla libertà d’azione dei capitalisti, se si attua quello che già prescrive (articoli 41 e 42) la Costituzione del 1948, confermata dal referendum del 4 dicembre 2016 contro il governo Renzi: la proprietà privata dei mezzi di produzione vale solo finché serve al benessere generale della società.

Oggi abbiamo i mezzi materiali e le conoscenze necessari per eliminare l’inquinamento e le calamità naturali o prevenirle e proteggerci adeguatamente.

Ogni popolo può stabilire rapporti di solidarietà, collaborazione e scambio con gli altri popoli, solo se è padrone in casa propria: la lotta per la sovranità nazionale contro l’oppressione e l’invadenza dei gruppi e degli Stati del sistema imperialista mondiale, contro la NATO e l’UE è un passaggio indispensabile. Oggi è il capitalismo che mette un paese contro l’altro, una nazione contro l’altra, un individuo contro l’altro.

Questi sono i cambiamenti che occorrono alle masse popolari. Quindi questo è il cambiamento che dobbiamo esigere dal “governo del cambiamento”. Se non è in grado di farlo o non vuole farlo, bisogna fargli fare la fine dei governi delle Larghe Intese e sostituirlo con un governo d’emergenza delle masse popolari organizzate, con un governo delle organizzazioni operaie e popolari. Dobbiamo fare della costituzione del “governo del cambiamento” l’inizio di un periodo di lotte per porre fine al catastrofico corso delle cose imposto dalla borghesia imperialista, anzitutto nel nostro paese. È possibile. È necessario. Noi dobbiamo farlo in Italia e la nostra azione farà scuola alle masse popolari degli altri paesi imperialisti e dei paesi oppressi. È bastato impedire alla nave di una ONG (nel caso concreto l’Aquarius) di attraccare nei porti italiani per mettere in subbuglio i governi degli altri paesi europei. Facile immaginare cosa succederà con un’azione sistematica e coerente del governo di un paese come l’Italia. Il “governo del cambiamento” deve mobilitare le navi della Marina e della Guardia costiera italiane a soccorrere i migranti nel Mediterraneo. Ma deve anche porre fine all’uso della basi NATO e sioniste stazionate del nostro paese per destabilizzare altri paesi e devastarli. Basta con la partecipazione delle Forze Armate italiane alle missioni militari all’estero, ma invece piena e leale applicazione dell’art. 11 della Costituzione del 1948. L’accordo per la Tregua fatto tra il governo di Kabul e i Talebani per la festa del Aïd el-Fitr (giovedì 14 e venerdì 15 giugno) è l’indizio di quello che succederà nel paesi oppressi man mano che cesserà l’intervento della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti a cui i governi delle Larghe Intese hanno contribuito direttamente, con le basi e le installazioni NATO e sioniste e con la produzione e la vendita di armi. Il “governo del cambiamento” deve mettere effettivamente sotto controllo pubblico l’industria militare, come già prescrivono leggi che non sono osservate, salvaguardando rigorosamente gli interessi dei lavoratori diretti e dell’indotto. Tutto questo è possibile e necessario per porre fine al catastrofico corso delle cose. La base per realizzarlo è la mobilitazione e l’organizzazione dei lavoratori, nelle aziende private e pubbliche, nelle istituzioni e nelle zone di abitazione. Promuovere la mobilitazione e l’organizzazione dei lavoratori e delle masse popolari è compito e dovere immediato di ogni persona di buona volontà. Da iniziare subito e dovunque.

Il nostro principale ostacolo e freno è il disfattismo, è la demoralizzazione, la rassegnazione e la sfiducia che oggi ancora sono largamente diffuse tra le masse popolari.

Bando al disfattismo, a tutti quelli che predicano che “le cose vanno male, ma non c’è niente da fare”, che “il vecchio muore, ma il nuovo non può nascere”, che “il socialismo è roba d’altri tempi”, che gli uomini sono egoisti per natura (non è che la vecchia solfa del peccato originale: in realtà ogni individuo è formato dalle condizioni in cui cresce e vive e dall’educazione che riceve). Denunciare i mali del presente è necessario, ma non basta: più importante ancora è indicare cosa fare e da dove incominciare oggi, da subito.

Nel nostro paese le masse popolari non hanno instaurato il socialismo nel secolo scorso solo perché, nonostante l’eroica dedizione alla causa di migliaia e migliaia di comunisti, il partito comunista decapitato di Gramsci non è stato  all’altezza del suo compito. Oggi abbiamo raggiunto una più avanzata comprensione delle condizioni e delle forme della lotta di classe espressa nel Manifesto Programma del Partito e siamo in grado di guidare gli operai e il resto delle masse popolari a instaurarlo. I disfattisti hanno completamente torto. Per colti che siano, sono pieni di pregiudizi borghesi e non usano il materialismo dialettico come metodo di conoscenza: quindi non vedono quello che occorre vedere per cambiare il mondo, come un raccoglitore di frutti che non vede nell’albero quello che invece vede il falegname.

Siamo capaci di cambiare il mondo! Cambiare il corso delle cose è possibile! Instaurare il socialismo è necessario!

Le masse popolari diventeranno ancora una volta combattive come e più di quanto lo furono nel passato, man mano che per loro esperienza vedranno che i comunisti le guidano nella direzione giusta. La chiave decisiva per avanzare è il consolidamento e rafforzamento del Partito comunista.

Il primo paese imperialista che spezzerà le catene della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti mostrerà la via e aprirà la strada anche alle masse popolari degli altri paesi.
L’Italia può essere questo paese!

Rafforziamo il movimento comunista cosciente e organizzato!
Il futuro è nelle nostre mani!

 

Osare sognare, osare pensare, osare vedere oltre l’orizzonte della società borghese!
Osare vincere! Il nostro futuro lo costruiamo noi!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: