Avviso ai naviganti 70 – Più lavoro, meno sbirri!

21 Mar

21 marzo 2017

2017, centenario della gloriosa Rivoluzione d’Ottobre, la svolta nella storia dell’umanità

 

Ripristinato il sito Caccia allo sbirro! che le autorità avevano oscurato.

http://cacciaallosbirro.tt3j2x4k5ycaa5zt.onion/ – per ora si accede solo usando TOR (vedi nota finale)

 

La borghesia imperialista e il suo clero usano la polizia, i carabinieri e i militari contro i lavoratori, li impiegano a proteggere i loro loschi affari e i loro lussi e sprechi, li mandano ad aggredire, opprimere e devastare altri popoli e paesi. Tuttavia la lotta per instaurare il socialismo non è lotta contro i poliziotti, i carabinieri e i militari: è lotta contro la borghesia imperialista e il suo clero per sostituire al loro marcio sistema un ordine sociale in cui ogni adulto svolge un lavoro utile e dignitoso e riceve tutto quanto è necessario per una vita dignitosa. Il Partito comunista chiama anche quelli tra i poliziotti, i carabinieri e i militari che hanno anche solo un minimo di coscienza, che non sono completamente abbrutiti dalla formazione che ricevono, a ribellarsi con scienza e coscienza agli ordini che violano la Costituzione del 1948, a boicottare e sabotare le manovre anticostituzionali delle autorità della Repubblica Pontificia e in particolare le manovre di guerra messe in opera dalla NATO, a far conoscere e denunciare pubblicamente le operazioni e gli ordini diretti contro le masse popolari, a smascherare gli aguzzini e gli organizzatori della criminalità e della corruzione e i promotori della repressione antipopolare, a costituire cellule comuniste clandestine in senso alle forze armate, alla polizia e ai carabinieri. Anche a questo serve il sito Caccia allo sbirro!

 

Più lavoro, meno sbirri!


Due articoli della Costituzione che le autorità della Repubblica Pontificia violano sistematicamente

art. 3 – È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
art. 11 – L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

 

La parola d’ordine “Più lavoro, meno sbirri!” comparsa sui muri di Locri dopo il raduno promosso domenica 19 marzo da Mattarella & Co è giusta. La chiamano lotta alla criminalità, ma la “lotta alla criminalità” condotta dalla borghesia imperialista e dal suo clero ha esteso l’impero della criminalità organizzata a tutto il paese e oltre. La borghesia imperialista ha chiuso e chiude fabbriche, ha delocalizzato e delocalizza aziende e lavorazioni, ha distrutto e distrugge posti di lavoro, ha relegato nel degrado economico e sociale interi quartieri e paesi, tiene migliaia di emigranti rinchiusi in campi di concentramento, ha devastato e devasta il territorio con grandi opere inutili e dannose, ha inquinato e inquina su larga scala, tutto sottomette all’estorsione di denaro per alimentare il capitale finanziario e speculativo. Le guerre della NATO si estendono in tutto il mondo e le servitù e le basi militari inquinano l’intero nostro paese. Il sistema politico della borghesia è diventato il terreno delle manovre occulte, della corruzione, della speculazione finanziaria, della criminalità, dei reati di Stato e della guerra. Gli esponenti e portavoce della criminalità organizzata sono alla testa dello Stato: da Berlusconi, a Napolitano, a Mattarella (ex gerarca democristiano ed esponente di una celebre famiglia mafiosa – che un suo fratello sia stato ucciso in una delle guerre tra famiglie mafiose, conferma solo il ruolo della famiglia), a Renzi allievo di Gelli. Questa è la versione imposta a noi italiani del catastrofico corso delle cose che la Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, americani e sionisti impone in tutto il mondo. Milioni di emigranti sono le vittime più maltrattate di questo corso delle cose. Contro di loro, invece che contro la borghesia imperialista e il suo clero, la Lega Nord di Matteo Salvini, casa Pound, Forza Nuova promuovono la mobilitazione delle masse popolari: approfittano della miseria, dell’arretratezza, dell’abbrutimento e del degrado sociale imposto dalla borghesia. Lega Nord di Matteo Salvini, casa Pound, Forza Nuova sono gli agenti più vigliacchi della borghesia imperialista.

Il sistema politico borghese si sta disfacendo, ma la borghesia e il suo clero non lasciano il campo spontaneamente. La borghesia e il clero cercano di trascinare tutta l’umanità con loro. Possiamo porre fine al loro ordine sociale solo sostituendolo con un nuovo ordine sociale: il socialismo. Solo l’instaurazione del socialismo porrà fine al corso delle cose generato dalla crisi generale del capitalismo. La rivoluzione socialista è in corso. Per farla progredire, il (nuovo) Partito comunista chiama gli operai più avanzati e tutti gli elementi coscienti delle masse popolari ad organizzarsi e assumere localmente con le loro organizzazioni il ruolo di nuove pubbliche autorità, ad attuare da subito sulla scala più larga possibile le parti progressiste della Costituzione del 1948, a rendere il paese ingovernabile dalle autorità emanazione dei vertici della Repubblica Pontificia fino a costituire un proprio governo nazionale d’emergenza, il Governo di Blocco Popolare.

A quest’opera chiamiamo tutti gli elementi avanzati del paese. La vittoria è possibile, dipende da noi.

Il vecchio mondo muore e noi comunisti abbiamo il dovere e la forza di guidare già da oggi la classe operaia e le masse popolari a costruire il nuovo mondo!

 

Per diventare comunisti bisogna impadronirsi della scienza delle attività con le quali gli uomini fanno la loro storia, svilupparla e usarla per instaurare il socialismo: il Partito è la scuola per ogni individuo deciso a diventare comunista e a lottare per instaurare il socialismo!

Avanti quindi!

Studiare il Manifesto Programma del Partito è la prima attività di chi si organizza per diventare comunista. Stabilire un contatto clandestino con il Centro del Partito è la seconda. Promuovere la costituzione di organizzazioni operaie in ogni azienda capitalista e di organizzazioni popolari in ogni azienda pubblica, in ogni istituzione pubblica, in ogni scuola e università, in ogni zona d’abitazione è la terza.

 

Con il socialismo nessuna donna e nessun uomo è un esubero!

Con il socialismo c’è posto per tutti quelli che sono disposti a far la loro parte dei compiti di cui la società ha bisogno!

Osare sognare, osare pensare, osare vedere oltre l’orizzonte della società borghese! Osare lottare! Osare vincere!

 

**************

Per mettersi in contatto con il Centro del (n)PCI senza essere individuati e messi sotto controllo dalle Forze dell’Ordine borghese, una via consiste nell’usare TOR [vedere http://www.nuovopci.it/corrisp/risp03.html ], aprire una casella email con TOR e inviare da essa a una delle caselle del Partito i messaggi criptati con PGP e con la chiave pubblica del Partito [vedere http://www.nuovopci.it/corrisp/risp03.html ].

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: