Avviso ai naviganti 26 – Ancora l’Irisbus, a proposito di un’obiezione di Aldo Milani alla battaglia per la sua riapertura

24 Ago


24 agosto 2013

 (Scaricate il testo in versione Open Office, PDF o Word )

Non si tratta di creare una o più nicchie nella società borghese, di strappare qualche concessione alle autorità della Repubblica Pontificia!

Si tratta di costituire il Governo di Blocco Popolare e aprire così la via all’instaurazione del socialismo!

Gli sviluppi dati da Lenin e Stalin e da Mao al patrimonio del movimento comunista sono indispensabili per instaurare il socialismo nel nostro paese.

Dopo i compagni del Comitato Resistenza Operaia (CRO) a cui abbiamo dedicato l’Avviso ai naviganti 25, è Aldo Milani, coordinatore nazionale del S.I. COBAS, che ci invia a proposito dell’Avviso ai naviganti 24Vincere la battaglia per la riapertura dell’Irisbus! una critica che merita l’attenzione nostra e dei nostri lettori.

Ecco cosa sono questi stalinisti maoisti, dei riformisti belle e buoni: illudono gli operai che ci possa essere un modello diverso economico nell’epoca capitalista. I loro interlocutori diventano i De Magistris, i sinceri democratici, i professori universitari e tutta questa marmaglia interclassista che loro chiamano popolo, progressisti, ecc. Secondo loro un altro modello di sviluppo è possibile nel capitalismo, basta che gli operai ne siano alla guida (sic).

In effetti Aldo Milani ha pienamente ragione: sarebbe ingenuità o errore immaginare e perseguire la riapertura dell’Irisbus nel contesto della fase acuta e terminale della crisi del capitalismo al di fuori del movimento per costituire il Governo di Blocco Popolare (GBP). Che questo costituisce oggi il quadro che rende possibile il successo di ogni singola lotta è l’idea principale del nostro Avviso ai naviganti 25 (che abbiamo dedicato principalmente ai compagni del CRO), ma era anche l’idea principale del nostro Avviso ai naviganti 22 (che abbiamo dedicato principalmente ai promotori dell’assemblea del 29 luglio al Politecnico di Napoli: il S.I. Cobas era uno di essi e Milani fu in quell’occasione uno dei più applauditi oratori).

Oggi in Italia la borghesia imperialista e in particolare la FIAT le fabbriche le chiudono e se hanno chiuso l’Irisbus non è perché Marchionne & C non sanno fare i loro conti. Nella speculazione finanziaria i capitali si valorizzano più che nella produzione di beni e servizi. E quei capitali che si valorizzano nella produzione di beni e servizi trovano nel mondo paesi dove i diritti e i salari dei lavoratori sono minori, le misure a protezione della sicurezza e dell’ambiente più scadenti, minori le conquiste residue tra quelle che le masse popolari avevano strappato alla borghesia imperialista durante la prima ondata della rivoluzione proletaria, minori le imposte, gli oneri finanziari e le rendite a carico dei capitalisti che investono i loro capitali nella produzione di beni e servizi, maggiore la protezione che ricevono dalle autorità del paese: in breve ci sono paesi dove i capitalisti possono fare il bello e il cattivo tempo più che in Italia, per i capitalisti noi in Italia non siamo ancora ridotti abbastanza male!

Milani non tiene conto che noi abbiamo detto che è nell’ambito del movimento per la costituzione del GBP che possiamo vincere la battaglia per la riapertura dell’Irisbus. Tutto dà addirittura a pensare che lo fa di proposito: secondo lui costituire il GBP è affidarsi a De Magistris, sinceri democratici e professori universitari che lui qualifica come “marmaglia interclassista”. Insomma dalla sua critica emerge la concezione di quelle correnti che nella prima metà del  secolo scorso si sono staccate dal filone principale del movimento comunista che a partire dalla Rivoluzione d’Ottobre (1917) e dalla fondazione dell’Internazionale Comunista (1919) ha sconvolto il mondo, la concezione di quelle correnti che da allora sono vissute ai suoi margini, cercando di far tesoro dei limiti, delle difficoltà e infine del declino del movimento comunista. Ed è proprio di questa concezione che vogliamo richiamare l’attenzione dei nostri lettori.

Nel movimento attuale, accanto ai promotori di lotte rivendicative che non si vogliono porre e comunque non si pongono la questione della sorte delle lotte che alimentano (lottano e basta concependo, quando pensano, la loro lotta come espressione della loro soggettività e vitalità), vi sono quelli che sono convinti che “prima o poi” la rivoluzione socialista scoppierà e che i “veri comunisti” devono prepararsi e magari affrettare il momento, oltre che con la propaganda, alimentando lotte rivendicative. Quindi, a differenza dei primi hanno una qualche idea (non ci interessa qui discutere in dettaglio quale) del futuro verso cui va l’umanità, non sono spontaneisti puri.

Personificazioni tipiche ma non esclusive di questa concezione sono i gruppi bordighisti e trotzkisti che si sono appunto distaccati dal filone principale del movimento comunista nella prima metà del secolo scorso. Essi guardano con grande disdegno agli “stalinisti” e ai “maoisti”. Dimenticano che sotto la guida di Stalin e di Mao il movimento comunista ha “sconvolto il mondo” e per alcuni decenni ha dato speranza e slancio alle classi sfruttate e ai popoli oppressi di tutto il mondo, con risultati che hanno marcato la storia dell’umanità, al punto che la formazione dello stato presente delle cose è incomprensibile a quelli che non tengono conto di quei decenni. Bordighisti e trotzkisti sono invece vissuti a fianco degli avvenimenti criticando questa o quella linea e concezione del movimento comunista e credono che l’esaurimento della prima ondata della rivoluzione proletaria confermi le loro critiche. Come se la morte di un uomo fosse la prova che non doveva nascere e che la sua vita è stata inutile.

Simili concezioni avrebbero poca importanza se non fosse che noi siamo in un periodo in cui le forme di avvicinamento all’instaurazione del socialismo sono la questione decisiva della nostra lotta. In Italia la costituzione del GBP è la forma principale con cui andiamo verso l’instaurazione del socialismo. Nell’ambito di questa lotta, per chi promuove questa lotta, anche le mille forme di attività di personaggi, gruppi e movimenti che hanno tutt’altri propositi e concezioni, tutte le forme di azione sono utilizzabili, perché “dietro le nostre concezioni c’è la storia, c’è ad ogni passo la realtà”. La nostra lotta non è espressione della nostra soggettività, che anzi la rivoluzione trasforma anche noi e noi dobbiamo trasformarci per partecipare con efficacia e successo alla rivoluzione socialista. Dobbiamo assimilare le leggi proprie del passaggio dalla società borghese al comunismo e farcene attori, conformare le nostre azioni e la nostra soggettività ad esse. Ma proprio grazie alla nostra concezione e al nostro metodo di lavoro, il materialismo dialettico, in concreto il marxismo-leninismo-maoismo, noi possiamo e dobbiamo valorizzare per la rivoluzione socialista, far confluire a ingrossare e rafforzare la corrente del fiume della rivoluzione socialista, tutte le attività di quelli che per i più diversi propositi si agitano contro lo stato attuale delle cose e persino anche dei sindacati di regime che in tanto servono al regime in quanto riescono a mantenere i contatti con le masse che il regime sfrutta, opprime e deve tenere a bada.

Cosa sarà il socialismo che dobbiamo instaurare è insito non nei desideri di ognuno di noi, ma nei presupposti del futuro che esistono nella società di oggi, che la società borghese ha fatto nascere. Già tanti anni fa Marx ed Engels si opponevano a quelli che definivano “unica massa reazionaria” tutte le classi sfruttate e oppresse che non erano la classe operaia che per la sua posizione e il suo ruolo nella società borghese è tra tutte le classi sfruttate e oppresse, quella che più facilmente può assimilare la concezione comunista del mondo e farne la guida della sua azione, diventare grazie ad essa e al partito comunista che la personifica, il soggetto politico principale del mondo d’oggi.

È profondamente sbagliata la concezione che traspare dalla critica di Milani e la storia ne ha già dimostrato la sterilità. Noi stalinisti e maoisti abbiamo subito una grande sconfitta nella seconda parte del secolo scorso, ma eravamo saliti molto in alto. Chi ha sempre razzolato terra terra non poteva neanche cadere. Ma se vuole progredire deve spiegarsi i motivi della sterilità della sua concezione. Per chi tirerà questa lezione la critica di Aldo Milani sarà stata feconda.

Annunci

7 Risposte to “Avviso ai naviganti 26 – Ancora l’Irisbus, a proposito di un’obiezione di Aldo Milani alla battaglia per la sua riapertura”

  1. Cristiano 08/27/2013 a 7:04 am #

    Scusate se non partecipo alle attività di chi, come voi, è interessato alla sopravvivenza di questa specie di imbecilli – che passa, come sa chi ha studiato, per il superamento del capitalismo. Sono un anarcoide vigliacco & moralmente disgustoso.
    Quali parti dell’opera di Mao consigliereste a chi volesse spiegare che i rivoluzionari devono dividere in due il campo nemico e associarsi con una delle due parti per sconfiggere l’altra? Ricordo di aver letto ottime pagine sull’argomento ma non ricordo quali.
    Ci si può fidare dell’edizione delle opere di Lenin ristampata da Lotta Comunista? Mi pare di sì, in quanto i ”lottatori comunisti” usano un ottimo metodo anticomunista che consiste nel non leggerle, ma ditemi se ne sapete di più.

    • Anonimo 08/27/2013 a 7:13 am #

      Quanto alle Opere di Lenin vendute da Lotta Comunista, direi che puoi andare tranquillo: vendono le Opere di Lenin edite in Italia dagli Editori Riuniti e prima da Rinascita: le hanno rilevate dal PCI quando si è sciolto. Sarà un’ottima lettura.
      Per quanto riguarda Mao, vado a memoria, ma credo che troveresti quello che cerchi nello scritto La rivoluzione cinese e il Partito comunista cinese, dicembre 1939 Opere vol. 7. In forma astratta lo trovi anche nello scritto Sulla contraddizione, Opere vol. 5. Le Opere di Mao Tse-tung sono edite e vendute da Rapporti Sociali, via Tanaro 7, Milano (02.26.30.64.54). Vendono anche un fascicolo con l’indice di tutti gli scritti di Mao contenuti nelle Opere. Sulla divisione dell’uno in due e sul movimento delle cose tramite la divisione dell’uno in due, Mao è un maestro ancora insuperato. Buona lettura. Il mondo progredisce anche sulle gambe di “anarcoide vigliacco & moralmente disgustoso” che si trasformano in meglio. Quello che si diventa è più importante di quello che si è.

  2. Sonia 08/27/2013 a 6:54 am #

    e si vede come gli stalinisti hanno preparato il terreno per la rivoluzione a partire da stalin fino ai giorni nostri ..tentando di nazionalizzare il capitalismo..copiando e mettendosi in concorrenza con i capitalismi esterni…( quando le analisi marxiste dicevano chiaramente che comunismo e capitalismo sono in perfetta antitesi e la storia lo insegna) mettendo la borghesia come oggi al controllo dello stato in dispregio alla classe operaia..
    cavalcando oggi ondate riformiste come i fascisti provano a fare..se non addirittura oserei dire con i fascisti accettando l’idea di un suicidio di identità del comunismo..maoisti,stalinisti..moastalinmarxisleninist che fanno di tutta l’erba un fascio..il governo di blocco popolare non può partire da classi che hanno sempre votato contro gli interessi della classe operaia..solo la mancanza di memoria storica può portare a questa squallida e superficiale conclusione..Se le vostre considerazioni fossero state esatte..demagistris come mai ,invece di assumere suo fratello alla direzione dell’amministrazione comunale..non ha pensato a come poter rendere fattibile l’idea di un governo di blocco popolare? non sa nemmeno chi siete, vi ha strumentalizzato..ha strumentalizzato le vostre speranze come fa ogni nuova classe borghese quando vuole subentrare ad un ordine precedente. Voi a parte disunire il proletariato quali battaglie concrete avete condotto per unirlo indirizzandolo vero un vero gbp ?

    • nuovopci 08/27/2013 a 6:57 am #

      Se è capace anche di ragionare oltre che di sfogare la sua indignazione in imprecazioni, Sonia Trigante dovrebbe provare a spiegarsi come ci possiamo avvicinare al comunismo e cosa fare per avvicinarsi. Il comunismo non è un ideale e una fede da proclamare, ma una società da costruire a partire da quella che c’è e trasformandola. Il governo di blocco popolare lo costituiranno le masse popolari organizzate: le organizzazioni degli operai combattivi delle attuali aziende capitaliste, le organizzazioni dei lavoratori combattivi delle aziende pubbliche, le organizzazioni che gli elementi combattivi della masse popolari costituiscono al di fuori delle aziende per i più vari motivi. Queste sono le forze decisive del movimento per costituire il governo di blocco popolare. I personaggi oggi autorevoli (De Magistris e altri) sono elementi complementari, ausiliari e precari: ci saranno finché ci saranno e daranno un contributo positivo grazie all’autorità di cui godono presso le masse popolari nonostante le concezioni e i comportamenti, gli usi e i costumi che hanno in comune con il resto delle classi dominanti.

  3. giovanni 08/25/2013 a 8:24 am #

    La nicchia è una opportunità di delirio (rivoluzionaria) le capacità strategiche di comunisti capaci di far prevalere il concetto di Comunista possono usare la stessa nicchia per imporre la propria strategia x il Socialismo, a tutt’oggi gli antagonisti per il Socialismo sono stati carenti perché il proselitismo è stato di media capacita e ha causato tante nicchie come m5s rifondazione Comunista Lega Forza Italia e….

  4. anonimo 08/25/2013 a 1:41 am #

    Ma figa è possibile che si debbano vomitare quntali di pagine dove si parte da un punto e si arriva a parlare della rava e della fava?.
    Ma non potete proprio cambiare stile di scrittura? Cazzo almeno usate dei paragrafi, spezzate un po. Questi comunicati sono scritti male e illeggibili. Sono prolissi, interminabili e dispersivi. Non venitemi a dire che è colpa mia e che mi devo sforzare. Se un libro è brutto è colpa dell’autore.

    • nuovopci 08/26/2013 a 6:32 pm #

      Non c’è dubbio che se un libro è illeggibile sta all’autore cambiare stile per farsi leggere e capire. Quindi aiutalo a cambiarsi. Dammi un’idea: quale è l’ultimo testo leggibile e comprensibile che hai letto? A quando risale?
      Un’altra informazione. L’ape succhia il fiore ma non dà miele.
      Nicola parte dall’ape e va al fiore, alla pianta, al seme, al terreno, al contadino, al mercato e al capitalismo: dice che per avere miele bisogna regolare i conti con il capitalismo cosa che è necessaria anche per molti altri motivi oltre all’ape e al miele.
      Pino impreca che l’ape non fa miele.
      In quale dei due ti riconosci meglio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: