Trasformare le Amministrazioni Comunali in Amministrazioni Comunali d’Emergenza!

29 Mag

Comunicato CC 23/2013 – 29 maggio 2013

 [Scaricate il testo del comunicato in Open Office / PDF / Word ]

 

Costituire subito un Governo di Salvezza Nazionale!

 

 

L’esito delle elezioni comunali di domenica 26 e lunedì 27 maggio conferma chiaramente che cresce l’indignazione delle masse popolari contro i vertici della Repubblica Pontificia e i loro portavoce. L’astensione è il risultato delle mancanza a livello locale di gruppi dirigenti autorevoli che abbiano dimostrato di essere decisi a percorrere la via della costruzione di amministrazioni comunali d’emergenza. Questa è la causa principale dello scarso risultato elettorale nelle elezioni locali anche delle liste del Movimento 5 Stelle che ha ottenuto un grande successo nelle elezioni nazionali di febbraio. Le esitazioni di Beppe Grillo e del M5S a costituire un Governo di Salvezza Nazionale dopo la vittoria elettorale di febbraio, la rinuncia il 20 aprile a mobilitare le masse per impedire il colpo di Stato perpetrato dai vertici della Repubblica Pontificia, il legalitarismo che ha fatto dell’Amministrazione Comunale di Parma (2012) l’onesta esecutrice delle leggi, norme e imposizioni della Repubblica Pontificia e del suo governo illegittimo e illegale, alla pari dell’Amministrazione De Magistris a Napoli (2011) e Pisapia a Milano (2011), hanno portato l’indignazione crescente delle masse popolari ad esprimersi come mostrano i risultati di domenica e lunedì.

Per restare nell’alveo della Repubblica Pontificia il M5S e Beppe Grillo non devono fare grandi scelte, basta non farne alcuna e mettersi a contendere con gli altri portavoce dei vertici della Repubblica Pontificia e aspiranti tali, anzitutto con il principale di essi, Silvio Berlusconi.

Per confermarsi portavoce della protesta delle masse popolari e mettersi alla testa della loro indignazione il M5S e Beppe Grillo devono invece anzitutto e soprattutto promuovere l’organizzazione delle masse, incitare le masse popolari a costituire di fronte ad ogni necessità Organizzazioni Operaie e Organizzazioni Popolari e a passare direttamente all’azione, sostenere con la forza della posizione occupata a livello nazionale ogni OO e OP nella sua iniziativa che all’inizio non può che essere locale.

Ogni Amministrazione Comunale per essere all’altezza della situazione e rispondere alle esigenze delle masse popolari deve diventare un’Amministrazione Comunale d’Emergenza. Cosa significa?

Che gli eletti e l’Amministrazione Comunale che essi dirigono devono soprattutto occuparsi di

1. denunciare sistematicamente e a gran voce i provvedimenti antipopolari del governo e delle altre autorità della Repubblica Pontificia;

2. promuovere e mettersi alla testa con grande pubblicità della protesta popolare contro i provvedimenti antipopolari che il governo e le altre autorità della Repubblica Pontificia attuano di propria iniziativa, boicottarne e sabotarne l’esecuzione;

3. astenersi con grande pubblicità dal collaborare con il governo e con le altre autorità della Repubblica Pontificia nella messa in opera dei provvedimenti antipopolari per cui essi richiedono o le leggi e le procedure usuali prevedono il concorso dell’Amministrazione Comunale;

4. astenersi con grande pubblicità dal dare seguito ai provvedimenti antipopolari di loro competenza previsti dalle leggi o dalle procedure della Repubblica Pontificia;

5. prendere con grande pubblicità tutti i provvedimenti utili alle masse popolari di loro competenza o nelle loro disponibilità anche se comportano la violazione di leggi, regole o provvedimenti (come il Patto di Stabilità) imposti dalle autorità della Repubblica Pontificia: Vendola ha candidamente dichiarato che la Regione Puglia dispone di soldi, ma non li impiega in opere utile come messa in sicurezza di scuole, infrastrutture, ecc. perché il governo di Roma non lo permette in nome del Patto di Stabilità: molte Amministrazioni Comunali sono nelle stesse condizioni, inoltre potrebbero far lavorare imprese senza pagare subito le fatture (ci sono già da 70 a 150 miliardi di fatture scadute, quindi le Amministrazioni Comunali troverebbero certamente aziende disposte a lavorare anche se andrebbero ad aumentare di qualche miliardo le fatture in sospeso tanto più che le banche anticiperebbero molti dei pagamenti);

6. sostenere con grande pubblicità, impiegando tutti i mezzi, le risorse e le relazioni di cui dispongono, le iniziative giuste delle OO e OP anche se illegali, se sono conformi agli interessi delle masse popolari (cioè legittime);

7. appaltare e fare per altre vie eseguire i servizi pubblici, con grande pubblicità, i lavori di manutenzione degli stabili, delle scuole, degli ospedali e delle infrastrutture di loro competenza usando tutte le risorse finanziarie che riescono a mobilitare anche se illegalmente;

8. destinare a beneficio delle masse popolari, con grande pubblicità, gli edifici e il resto del patrimonio immobiliare di cui l’Amministrazione Comunale dispone, mobilitando per la riabilitazione necessaria;

9. organizzare con grande pubblicità la remunerazione del lavoro tramite compensi in natura: servizi pubblici, abitazioni, ecc. dati ai lavoratori che prestano la loro opera in attività autorganizzate o promosse dall’Amministrazione Comunale;

10. mobilitare con grande pubblicità professionisti, capitalisti, clero, parrocchie, ecc. perché partecipino alla realizzazione delle parole d’ordine “a ogni adulto un lavoro utile e dignitoso” e “a ogni individuo i beni e servizi necessari a una vita dignitosa alla sola condizione che adempia scrupolosamente i compiti legittimi che gli sono assegnati” e denunciare quelli che non collaborano;

11. astenersi con grande pubblicità da ogni collaborazione e impedire che gli organi dell’Amministrazione da loro dipendenti collaborino con la NATO, le Forze Armate USA e ogni altra agenzia straniera di stanza in Italia in violazione della nostra Costituzione, negare con grande pubblicità ad esse la fornitura di servizi pubblici dipendenti dalle Amministrazioni Comunali e ogni forma di collaborazione.

Queste ed altre analoghe misure qualificano un’Amministrazione Comunale d’Emergenza.

Oseranno le Autorità della Repubblica Pontificia perseguitare i dirigenti delle ACE? Oseranno sciogliere le amministrazioni locali?

È possibile, ma questo farebbe montare l’indignazione e la mobilitazione delle masse popolari che avrebbero in questi dirigenti delle ACE finalmente i loro dirigenti, i centri di aggregazione della loro mobilitazione di cui hanno bisogno. Ragione per cui anche nei vertici della Repubblica Pontificia si rafforzerebbero le esitazioni ad andare a fondo nella repressione. In una guerra, portare la divisione in campo nemico, accrescere le esitazioni nel suo seno è un’arma formidabile.

È comunque un rischio che bisogna correre per mettersi alla testa dell’indignazione delle masse popolari contro i vertici della Repubblica Pontificia. La persecuzione delle Autorità della Repubblica Pontificia rafforzerà quelli che saranno capaci di mettersi alla testa delle masse popolari perché attuino le misure d’emergenza necessarie.

 La crisi del capitalismo si aggrava nel nostro paese come in ogni paese imperialista e a livello internazionale. È solo con misure d’emergenza che le masse popolari possono farci fronte. Chi vuole sinceramente ed efficacemente mettersi alla loro testa deve farsi promotore delle misure d’emergenza necessarie.

 

Le masse popolari organizzate e solo esse possono avviare il nostro paese verso la fine della crisi del capitalismo!

Con questo apriranno la strada anche alle masse popolari degli altri paesi imperialisti e riceveranno il loro sostegno: infatti in ogni paese le masse popolari devono risolvere problemi analoghi.

 

Questa è la strada che noi comunisti dobbiamo indicare alle masse popolari organizzate!

Su questa strada dobbiamo dirigerle!

 

Costituiamo nella clandestinità Comitati di Partito in ogni azienda, in ogni scuola, in ogni istituzione civile e militare dello Stato e della Pubblica Amministrazione, in ogni località!

Annunci

2 Risposte to “Trasformare le Amministrazioni Comunali in Amministrazioni Comunali d’Emergenza!”

  1. Tovarish Red 05/29/2013 a 2:19 pm #

    Buongiorno
    in merito al presente post, non credo che gli 11 punti da voi evidenziati siano facilmente attuabili.
    Questo perché le Amministrazioni comunali sono parte integrante di un mondo di dominio borghese che ben conosciamo.
    Non saranno pertanto capaci (per assoluta mancanza di volontà) di attuare nessun tipo di correzione e/o denuncia, nei confronti proprio di una politica “di palazzo” che le ha legittimate e ricoperte di potere.

    Noi comunisti abbiamo dunque il compito di:
    1. unire con il filo della comprensione/partecipazione ogni lotta operaia/impiegatizia: dunque unione della classe lavoratrice italiana.
    2. trovare unione tra le maggiori forze italiane della sinistra comunista, in una sorta di “nuovo CLN”, un comitato di Liberazione Nazionale che abbia forza e vitalità per cambiare veramente le cose nel nostro paese. Il “come” si vedrà e deciderà collegialmente a seguire. Così facendo se molti gruppetti/partitini vorranno mantenere le loro bandiere/il loro nome/la loro politica “settaria”, potranno liberamente e democraticamente continuare a farlo! Ma la lotta del nuovo CLN sarà UNA e Nazionale.
    3. dotare il Nuovo CLN di uno statuto.
    4. creare un sindacato di classe: UNO che vale x tutti!
    5. la “clandestinità” (che citate alla fine del post) non sarà necessaria. Non abbiamo timore né paura di lavorare alla luce del sole, questo perché siamo nel giusto! Quando tornerà necessario lavorare clandestinamente come facevamo nel fascismo, sapremo come farlo!

    Tovarish Red
    http://linearossa45.blogspot.it/

    • Nico 06/01/2013 a 9:38 am #

      Caro Tovarish Red,
      hai talmente tante buoni ragioni, che è difficile scegliere da dove incominciare.
      Gli 11 punti di cose da far fare alla Amministrazioni Comunali non sono facilmente attuabili. Tanto vero che a nessuna delle amministrazioni “arancione” o affini (Napoli (2011), Milano (2011), Cagliari (2011), Genova (2011), Parma (2012) e forse altre minori) siamo riusciti a farli attuare, neanche in parte. Ma niente è facile di quello che noi dobbiamo fare per arrivare a instaurare il socialismo. Quindi la questione è 1. se le OO e OP (il risultato del consolidamento di quella unione (da fare) della classe lavoratrice di cui dici) hanno convenienza a costringere le AC ad attuarli (noi sosteniamo che è un passo utile tra i vari necessari per arrivare a costituire il GBP) e 2. se OO e OC raggiungeranno la forza necessaria per farli attuare (noi sosteniamo che è possibile che la raggiungano e che è nell’ordine delle cose che la raggiungano: per questo la “predichiamo” e ci diamo da fare).
      Costituire una sorte di “nuovo CLN”, siamo d’accordo: è un obiettivo da perseguire e un banco di prova per chi dichiara di voler fare.
      Lo statuto del Nuovo CNL, pensiamo che non sia la cosa principale, la prima da cui partire, ma non guasta: prova a stendere una bozza e proponila. Forse servirà a far capire che costituire il CNL è solo questione di intelligenza della situazione e di volontà.
      “Creare un sindacato di classe, Uno che vale per tutti!”, non è cosa che si fa d’un colpo. Anche perché una buona parte dei sindacati che esistono sono in mano a personaggi e gruppi complici dei padroni e del governo e molti lavoratori vi aderiscono per molte ragioni: più o meno buone, certo, ma vi aderiscono! Ma è certamente possibile far lavorare insieme quelli che non sono in mano a complici (e in questa direzione abbiamo fatto passi avanti e altri ne faremo: hai visto il ns saluto al I Congresso dell’USB? Sei d’accordo sullo spostare lo sforzo principale sul terreno politico e romperla col settarismo per far leva sui lavoratori combattivi e costringere i dirigenti renitenti all’unità d’azione e alla lotta?) e da cosa nasce cosa, se si va nella direzione giusta.
      Quello su cui non siamo affatto d’accordo è che la clandestinità non sia necessaria. La storia mostra 1. che prima che ci fosse l’Unione Sovietica di tutti i partiti socialisti e comunisti solo quelli che erano clandestini (quello di Lenin, ad esempio) sono riusciti a darsi una linea giusta e a guidare con successo la massa dei lavoratori a far fronte alle esigenze della lotta di classe, 2. che dopo, ci sono riusciti a “improvvisare” la clandestinità solo quelli (come il partito italiano, tedesco, francese, ecc.) che si appoggiavano ed erano appoggiati dall’Unione Sovietica e dall’Internazionale Comunista. La clandestinità non si improvvisa. Meglio incominciare da subito. Ma non è che sia l’unico posto di lavoro rivoluzionario né l’unica forma di lotta, anzi! Cosa hai contro la clandestinità? In che cosa vedi negativa per il movimento comunista il fatto che il (n)PCI sia clandestino? Quando negli anni scorsi il governo Berlusconi e il governo Prodi hanno cercato di eliminarci con arresti, siamo riusciti a far fronte con successo alla loro azione grazie alla clandestinità. Grazie alla clandestinità siamo riusciti a continuare il nostro lavoro fino a rendere inutili gli arresti. Sono convinto che se a Genova ci fosse stato un Comitato di Partito, saremmo riusciti a impedire che quelli che hanno privatizzato il Porto e fatto costruire la Torre dei Piloti sull’acqua, convincessero tutte le famiglia a tollerare che fossero proprio loro a celebrare il funerale ai morti della Torre franata sotto l’urto del Jolly Nero.
      Comunque non è la nostra clandestinità che impedisce a voi di lavorare. Quindi, avanti e ci troveremo!
      Buon lavoro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: